I Popoli del dio Toro
Supplemento geografico per: Exalted 1st ed.

Image

Prodotto da: White Wolf
Versione italiana: Wildboar
Pagine: 126, brossurato
Prezzo: 22,00 €

Introduzione

Quello che ci apprestiamo a recensire è l’ultimo supplemento per la prima edizione italiana di exalted e, a discapito di quello che si potrà pensare è forse uno dei manuali di setting più belli che si possano acquistare al momento per un gdr. Questa dichiarazione so bene che è molto forte ma devo dire che non leggevo un modulo geografico così ben fatto da parecchio tempo, fornisce spunti per qualsiasi livello di gioco, ovvero politico, sociale, militare ecc ecc; qui c’è tutto quanto e la cosa bella è che il tutto è davvero sapientemente miscelato. Prima di iniziare a sfogliare il manuale ero partito con la convinzione che fosse uno dei soliti manuali ed invece a fine lettura ne sono rimasto così piacevolmente stupito che ho anche fatto in modo che la mia campagna (di due anni ormai) includesse questi territori.

Aspetto

Il manuale si presenta sotto le sembianze di un robusto brossurato con carta patinata di ben 126 pagine tra l’altro con una percentuale di errori così bassa che penso sia la più bassa di tutti i manuali di exalted fino ad ora, il gap con i manuali delle altre case editrici in termini di traduzione è finalmente colmato dopo un cammino di un anno in cui ci sono stati continui miglioramenti!
Il manuale si articola fondamentalmente di tre capitoli e di un’appendice, ma vediamoli in modo approfondito.


Capitolo Uno: La terra di Capo Rifugio

In questo primo capitolo viene delineata sia la geografia che le politiche della gente che vi abita, vengono presentati i membri importanti della società di Capo Rifugio, viene dato uno spaccato di vita sociale, vengono illustrate le cinque popolazioni che abitano questo territorio dominato dal culto di Ahlat, signore della guerra meridionale e dei bovini, e come questi riescono a vivere assieme, viene fornita una schematizzazione di tutto quello che è il culto di Ahlat e del perché l’impero non lo sopprime (o non ci riesce?) ed infine viene esaminata la forza militare di cui dispone questa nazione con il riflettore posto sulle truppe della Guardia Reale la quale sulla scia delle amazzoni (giusto per continuare a ribadire che Exalted un gioco in cui davvero ci sono tutti gli elementi di tutti i tipi di letteratura e di arte in genere) è una forza tutta al femminile dedita all’adorazione di Ahlat ed alla difesa del reggente di turno.


Capitolo Due: La guarnigione Imperiale

Questo territorio altro non è che uno dei territori sottomessi all’impero, quindi qui vengono ampiamente illustrate tutte le caratteristiche di questa satrapia dal punto di vista dei sangue di drago che la governano. Viene quindi dato uno spaccato della vita tipica di un sangue di drago, di come funziona la vita all’interno della guarnigione, viene illustrato molto minuziosamente tutto quello che riguarda la politica intestina e tutto quello che riguarda il modus operandi dell’impero in questa zona decisamente socialmente poco stabile dell’impero. Inoltre viene descritto esattamente lo schema organizzativo della 47ima legione e del suo attuale comandante, l’unico in grado di aver portato una legione allo sbando ad essere una delle legioni più potenti ed organizzate dell’impero; vengono descritti tutti gli interessi dell’impero in questa regione, i suoi giacimenti di giada e chi li detiene. Oltre a questo viene anche messo in evidenza la politica dell’imperatrice scarlatta e di come con una semplice scelta di “personale” era in grado di poter controllare tutto quello che accadeva all’esterno dell’isola benedetta.


Capitolo Tre: Dei Mostri e Santuari

L’aura di Ahalt pervade sia questo tomo che anche i territori ivi descritti ed in questo capitolo viene trattata approfonditamente la sua storia, da leggere tutta d’un fiato e che sicuramente vi farà venire certamente ben più di un’idea per una campagna o per almeno una serie di avventure; viene descritta la sua corte a Yu-Shan, il suo operato nel creato, il suo modo di operare. Da queste letture si capisce molto ma molto bene come funzionano i vari uffici celesti, chiamati Bureau e di come una semplice divinità addetta all’accoppiamento dei trichechi neri possa divenire uno degli dei maggiori che decidono anche le sorti di un territorio grande quanto il sud della creazione. Ma non solo di Ahlat si parla qui; infatti vengono ampiamente illustrati i vari dei che lo servono o che sono in competizione con lui e non solo gli dei in quanto vengono illustrati i rapporti tra il dio e le varie fazioni dei siderali; viene presentato il popolo leone ed i dettagli di alcuni degli oltre 60 santuari sparsi per la satrapia.

Appendice: La corte della fiamma Ordinata

Il tomo si conclude con l’analisi della corte della fiamma ordinata, corte spiritica già accennata nel manuale: Giochi Divini, e che è forse la più famosa corte elementale del fuoco esistente sulla faccia della creazione. Formatasi in reazione alla caduta di Drago Cigno (anche qui consultare Giochi Divini per altre informazioni su questo potentissimo drago elementare) quasi 800 anni fa, ora è un potentato su scala globale anche senza l’approvazione diretta della burocrazia celeste. Viene quindi illustrata esattamente la storia di questa corte, vengono date tutte le informazioni utili a capire quali siano le sue prossime mosse (in visione di un coinvolgimento della stessa in una qualsiasi vostra cronaca…) , vengono illustrati gli alleati, i nemici e tutto quanto necessario per dare una visione a 360 gradi della stessa.

Impressioni

Sembra che nonostante sia uno degli ultimi moduli usciti per Exalted sia decisamente il modulo geografico migliore, non sono da sottovalutare infatti i suggerimenti per le avventure dati proprio dai creatori dello stesso, oltre al fatto che viene dato molto ma molto spessore ad esseri quali ad esempio Drago Cigno o Ahlat che sul manuale Giochi Divini avevano si un ruolo importante, ma sfido io chiunque ad aver compreso appieno i loro ruoli fondamentali nel creato; oltre al fatto che viene dato uno spaccato di vita “spiritica” e di come funzionino i vari bureau dei piccoli dei e dei loro rapporti con Yu-Shan (la città dove dimorano gli dei). Insomma un manuale che ci fa capire esattamente come funziona tutto all’interno ed all’esterno del creato e che nonostante sia scritto per la prima edizione di exalted siamo in presenza di uno di quei manuali che, poiché dal punto di vista regolistico non ha praticamente nulla, oserei dire che è 99% compatibile anche con la nuova fiammate edizione di Exalted (che al momento in cui scrivo la trovate già sugli scaffali). In due parole: E’ un acquisto da fare?
Risposta: Si, non ve ne pentirete!

Voto: 9
Recensore: Giovanni “MagOscuro” D’Addabbo

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.