– SLA Industries 1.1 –

Autori: Dave Allsop, Tim Dedopulos, Jared Earl, Morton T Smith
Edito da: Nightfall / Cubicle7
Distribuito da: Nightfall / Cubicle7 / Raven Distribution
Lingua: Inglese
Pubblicato nel: 1993 / 2000
Pagine & Rilegatura: 302 pagine in B/N cartonato
Prezzo: on-line circa $30.00 / dalla Raven €50.00


– –
Introduzione

SLA Industries è un gioco di ruolo fantascientifico estremamente dark e gotico, che si definisce di genere “Urban Horror”.
Nato nel lontano 1993 dalla piccola azienda scozzese Nightfall è sopravvissuto per ormai 13 anni passando più volte di mano, morendo e risorgendo a ciclo continuo.
La sua longevità deriva molto probabilmente dal fatto di essere diventato subito un GdR “CULT” e di possedere, quindi, uno zoccolo duro di accaniti fan in tutto il mondo, i quali hanno creato una vera selva di siti amatoriali dedicati al loro GdR preferito.
Il materiale “fan-based” dedicato a SLA è tantissimo e spesso molto utile ed interessante.
Erano persino nate due fanzine semi-ufficiali:
– “The Big Picture”, che conta 14 numeri e ben 8 mini-supplementi
– “Mort Times”, giunta fino al numero 26

La vicenda di SLA vede la nascita di una prima edizione del manuale base e, negli anni successivi, la pubblicazione di alcuni supplementi in concomitanza con i passaggi di mano della società:
– dalla Nightfall alla Wizard-of-the-Coast, con il supplemento “Mort”
– dalla WotC alla Nightfall, con il supplemento “KARMA”
– dalla Nightfall alla HogsHead, con il supplemento “Contract Directory”, l’avventura “Key of Delyrhead” e la terza stampa del manuale base, revisionato per l’occasione alla versione 1.1

Alla fine i diritti del gioco tornarono alla Nightfall, poi assorbita dalla novella Cubicle7.
Attualmente sono in cantiere diversi manuali che, anche se con ampio ritardo, dovrebbero cominciare a vedere la luce nel 2006.
E’ inoltre in fase di sviluppo una (futura) seconda edizione del gioco…ma se ne parlerà molto più in là.

L’attuale “base operativa” e punto di riferimento on-line per tutta la comunità di appassionati SLA è il forum creato da un gruppo di appassionati, il Team8.
Qui ( http://team8.co.uk/ ) è possibile anche leggere i post dei creatori/curatori del gioco, dove l’ottimo Angus Abranson (CEO di Cubicle7, e membro di vecchia data della Nightfall) fornisce risposte ed aggiornamenti.


– –
Ambientazione

Siccome questo gioco non può certo vantare un sistema di regole particolarmente valido, (ne parleremo più avanti) posso dire senza timore che il suo incredibile fascino deriva dall’ambientazione.
La faccenda è complicata, proverò a spiegarla un pezzetto alla volta…

\\ Meta-Game //
Il manuale base presenta la storia di un universo fantascientifico…
Già qui l’ambientazione presenta due livelli di gioco:
– il più superficiale è costituito dalla “storia ufficiale”.
– l’altro dalla “verità” che si nasconde dietro a menzogne ed insabbiamenti governativi.

Ma la cosa non si ferma qui.
Nel gioco ci sono moltissimi riferimenti ad eventi misteriosi, a stranezze inspiegabili e luoghi oscuri ed inaccessibili.
Una rete di misteri nascosti persino più in profondità di quelli “insabbiati” dal governo, citati poco fà.

Ma nel manuale sono anche disseminate piccole incongruenze, citazioni, strani riferimenti…alcuni giocatori notarono persino che la parola “Bitterness” era stranamente ricorrente, usata anche in momenti in cui appariva a sproposito o non chiara.

Ebbene a partire da questi indizi nacque un’incredibile “caccia” alla ricerca della “Verità” del gioco.
La cosa maturò i primi frutti quando, fra un passaggio legale e l’altro della Nightfall, venne divulgata ad un ristretto circolo di persone la cosiddetta “Bibbia di SLA”…ovvero la traccia originale fornita agli scrittori del gioco per creare, coerentemente all’ambientazione, i nuovi supplementi.

Siccome la Nightfall richiese ai suoi fan di mantenere il “segreto” e di non divulgare il documento sfuggitole di mano, la cosiddetta Bibbia divenne una leggenda metropolitana e generò ancora più fermento e voglia di sapere.
Lentamente si sparsero voci e dicerie che diedero vita ad un’infinita serie di teorie sulla vera natura del gioco e dell’ambientazione.

Alla fine, col passaggio alla Cubicle7 ed il progetto di una 2a edizione, la Bibbia fu resa pubblica…con la motivazione che in 13 anni di sviluppo essa era ormai diventata obsoleta, attinente alla realtà quanto una qualsiasi delle teorie immaginate dai fan.
Ciò nonostante ancora oggi l’ambientazione di SLA Industries mantiene una specie di alone misterioso…parte integrante del suo grande fascino.

\\ La Storia in Breve //
L’ambientazione è estremamente ben curata, ricca di dettagli e spunti, con tematiche molto approfondite (ed i misteri sopraccitati)…io tenterò di dare una breve introduzione alla storia “ufficiale” del World of Progress.

Ci troviamo in un futuro estremamente remoto in cui il pianeta Terra ed il Sistema Solare non sono neppure citati, tanto si è evoluta la storia dell’universo.

E’ un tempo di guerra in cui molte razze, compresi gli umani, si combattono per la supremazia del “Known Universe” (L’Universo Conosciuto).
La guerra totale è in stallo, dato che nessuno è in grado di annientare tutti gli altri senza rischiare di essere distrutto a sua volta.

E’ in questo periodo che, su uno sperduto pianeta disabitato ai confini del Known Universe, si registra una strana attività.
Questo pianeta desertico, noto come White Earth (Terra Bianca), viene spazzato da una tempesta di origine ignota che avvolge l’intero pianeta in una nube impenetrabile per tre giorni interi…
Alla fine la tempesta si placa e dal pianeta giunge un’astronave sconosciuta.

Fà così la sua comparsa sulla scena Mr Slayer.
Questo strano alieno offre a tutte le fazioni di comprare le sue avanzatissime armi e di affittare i servizi delle sue guardie scelte, i “Kilneck”.
In breve tempo si arricchisce e fonda le SLA Industries, avviando quello che lui chiama The Big Picture (Il Grande Progetto) con la sperimentazione biogenetica rivolta alla creazione di un soldato interamente artificiale.

L’ambientazione qui è fitta di eventi che vedono il succedersi di diversi individui cruciali per la storia della SLA.
Basti dire che alla fine Slayer riesce a produrre i suoi bio-soldati “Stormer” e li vende a tutte le fazioni…rendendoli in breve tempo un elemento fondamentale di tutte le loro strategie militari.

Un giorno, ad un ordine prestabilito, gli Stormer imbracciano armi molto più avanzate di quelle vendute normalmente dalla SLA ed a sorpresa si ribellano ai loro padroni, consegnando la vittoria finale a Slayer.
L’epoca dei “Mondi in Guerra” si conclude con l’affermarsi della SLA come unico potere soppressivo nel Known Universe e la fondazione di quello che Slayer chiama “World of Progress” (il Mondo del Progresso, abbreviato in WoP).

Da allora passano 900 anni in cui la società si stabilizza e si evolve, mentre nuovi nemici si contrappongono alla SLA.
Oggi, dopo 900 anni, Slayer è ancora a capo del suo universo come se non fosse passato neppure un giorno, dominandolo dall’alto del suo zyggurath amministrativo situato sul pianeta-capitale MORT.

L’ambientazione principale è appunto il pianeta MORT, anche se vengono presentati svariati altri mondi…dalla capitale della moda “New Paris” ai pianeti in guerra a causa di faide fra la SLA e le altre forze che le si oppongono, di cui il più temuto è il pianeta DANTE.

\\ MORT //
Mort è un pianeta che dallo spazio appare come una enorme palla nera, percorsa, qua e là, da venature rosso vivo.
Ha le dimensioni di Giove ma la gravità è normale; il suo aspetto desolato è il risultato del fatto che tutte le risorse naturali sono state sfruttate fino alla letterale distruzione del pianeta…e poi si è costruito sopra e dentro il suo guscio senza vita.

L’inquinamento ha causato sconvolgimenti che neppure i satelliti meteorologici sono in grado di arginare.
Il fenomeno più evidente è la pioggia … sulle metropoli di MORT piove sempre, costantemente, senza mai smettere.

Il pianeta ospita il centro amministrativo del WoP, ed è il pianeta più popolato di tutti.
Qui è possibile incontrare esponenti di tutte le razze del WoP sopravvissute all’epoca delle grandi guerre.
E questo è un problema.
I centri urbani sono spaventosamente sovrappopolati, la struttura delle città si estende in altezza per piani e piani, ma più spesso si allarga scompostamente sulla superficie martoriata del pianeta…e poi in profondità in un labirintico groviglio di sottolivelli, molti dei quali così remoti e devastati da essere completamente ingovernabili, assenti dalle mappe ufficiali e persino “sconosciuti”.

La maggior parte della popolazione vive in povertà nonostante la SLA garantisca un tetto ed un salario minimo anche ai disoccupati…ed una TV per tutti, da cui poter ascoltare le notizie SLA, vedere gli spot SLA, desiderare i prodotti SLA, disprezzare i terroristi nemici della SLA…ecc…

Fra la popolazione, anche nelle zone di lusso, il problema dei Serial Killer è diventato paragonabile ad un’epidemia virale.
La criminalità è a livelli altissimi non appena si esce dalla sicurezza del “Perimetro”, un alto muro che circonda le aree amministrative e di lusso dal resto di DownTown.
Bande di strada, lo Skin-Trade (rapimento, vendita e sfruttamento di bambini), culti e sette religiose, ex-criminali di guerra…è una vera e propria giungla.

Senza contare le cinque aree periferiche che, a seguito di passate catastrofi, sono diventate zone di guerra note come Cannibal-Sectors.
Qui creature mutate e scarti industriali strisciano nei ruderi degli edifici e si muovono nel devastato sistema fognario, minacciando di irrompere attraverso le falle del Perimetro.

\\ Il Gioco //
I Personaggi vestono i panni di Operativi SLA, agenti freelancer incaricati di risolvere i problemi della compagnia.
Dalle missioni di ricerca e recupero, all’esplorazione, al controllo della popolazione, alle indagini su crimini, allo spionaggio industriale…e persino azioni di guerriglia vera e propria.

Ogni Operativo guadagna denaro e privilegi man mano che la sua carriera avanza, rendendolo un elemento di valore.
Le reti televisive si contendono i contratti esclusivi per seguire le azioni degli operativi più famosi…o per filmare in anteprima il Serial Killer del momento, o le sue vittime.

I cittadini che desiderano diventare Operativi devono superare dei test per poi venire addestrati nelle due Università di Mort, ovvero il centro di addestramento di Meny e l’accademia Orage Crush.

Le razze a disposizione dei giocatori sono:

– Umani –
I cari, soliti, vecchi umani…la razza più diffusa e versatile di tutte; il mondo è di fatto creato a misura di umano.

– Frother –
La SLA produce ogni genere di (potentissima) droga, sia ricreativa che da combattimento.
I Frother sono umani che, dopo generazioni e generazioni di abusi, hanno sviluppato un’alta tolleranze alle sostanze chimiche, una notevole forza fisica…ed una sottocultura molto particolare, organizzata in Clan.
La figura del Frother in kilt e dreadlocks è famosa.

– Ebon –
E’ una razza aliena di aspetto umano, ma con nette differenze.
Gli occhi sono privi di pupille e la pelle è molto pallida; capelli occhi ed unghie sono naturalmente colorati in maniera bizzarra, generalmente in tinta unita, creando un effetto molto suggestivo.
Gli Ebon sono una razza molto emotiva, in bene ed in male, capace di sfruttare alcune capacità mentali insegnategli da Intruder, il braccio destro di Mr Slayer.

– Brain Waster –
Questa razza rappresenta una recente evoluzione degli Ebon: condividono le stesse capacità psioniche, ma per il resto sono molto diversi.
Il loro aspetto è fisicamente più massiccio, privo degli sgargianti colori Ebon, ma con un tratto molto distintivo…il contorno degli occhi sembra “bruciato”.
Sono mossi da forti passioni, come gli Ebon, ma, a differenza di quest’ultimi, invece di esprimere le loro emozioni le reprimono…risultando introversi ed asociali.

– Wraith Raider –
Umanoidi asciutti e slanciati, dal volto leonino, sono una razza di cacciatori che provengono da un pianeta glaciale.
Sono “predatori” in ogni aspetto della loro vita, dal combattimento agli affari.

– Shaktar –
Enormi lucertoloni rossi, gli Shaktar sono una antica cultura guerriera molto simile a quella giapponese.
Hanno un rigido codice morale fondato su 7 valori cardinali…onore, lealtà, amicizia, dovere, famiglia, ecc…
Sono nobili e fieri, in netto contrasto con la decadenza sociale e morale del resto del WoP.

– Stormer 313 –
Il modello “313 Malice” della serie Stormer è il primo essere vivente creato completamente in laboratorio.
Queste montagne di muscoli dalla pelle grigia sono sviluppate ed addestrate per servire la SLA.
Sono soldati, ma non solo; è interessante vedere come un aspetto feroce e “mostruoso” nasconda una personalità del tutto umana, curiosa di scoprire un mondo a loro sconosciuto.

La tecnologia è molto avanzata.
La cibernetica è passata di moda da anni ed ora si usa solo biogenetica avanzata.
Le droghe sono in costante sviluppo ed evoluzione.
A causa del clima non è possibile l’uso efficace di laser, ed i lanciafiamme causerebbero troppi danni collaterali.
Invece è sviluppatissimo il mercato delle armi pesanti di ogni genere e foggia, sebbene la tassa sui proiettili ne scoraggi l’uso in favore delle armi bianche di ultima generazione.
Questo disincentivo per le armi da fuoco ovviamente non serve a proteggere la popolazione, ma a rendere più interessanti le azioni degli Operativi: Il pubblico si annoia a vedere gente che si spara e basta.


– –
Il Sistema di Gioco

Il sistema, come accennato all’inizio, non è dei migliori…anche se alla fin fine è semplice, ed il suo dovere lo compie in modo accettabile.

Ogni personaggio sceglie liberamente la sua razza, il che stabilisce i suoi massimi razziali nelle statistiche.
Le statistiche vanno in media da 01 a 10, per gli umani, e determinano svariati bonus e malus per le azioni, oltre a fare da tetto massimo per i punteggi delle abilità da loro dipendenti.

I test si fanno sommando 2d10 + abilità + modificatori.
Un risultato di 11+ è un successo, mentre un 21+ è un successo critico.

Il combattimento è gestito con dei turni fissi, divisi in 5 fasi, che dipendono dalla Destrezza.
Maggiore è la Destrezza e maggiore è il numero di azioni per turno, organizzate in uno schema che le ordina in modo preciso, per simulare non solo il numero di azioni, ma anche la velocità con cui le si compie.

I danni sono divisi in “Totali” e poi per “Locazione”.
Le armi hanno un danno FISSO, modificato dall’armatura, la quale, a sua volta, è modificata dalla penetrazione dell’arma.

E bene o male è tutto.

Ci sono varie regole e regolette per il rinculo delle armi, per la cura dei danni, per la dipendenza da droghe, per la guida dei veicoli…

Ed ovviamente un’ampia sezione, sia di regole, che di ambientazione, è dedicata all’EBB, il potere mentale degli Ebon e dei Brai Waters.
Non è l’elemento più suggestivo dell’ambientazione, ma certo è quello più vistoso e che affascina praticamente tutti i nuovi giocatori di SLA.


– –
Stile

Il manuale è ricco di inserti in cui si mostra un piccolo “spaccato di vita quotidiana”, rapporti dalle strade, interviste a civili ed operativi, descrizioni di trasmissioni televisive, voci di corridoio e leggende metropolitane di Mort.

I capitoli sono inframmezzati da alcune storie “a puntate” che si sviluppano lungo tutto il manuale.
Tutto l’equipaggiamento è trattato come un prodotto da vendere, ed addirittura una parte del capitolo è presentata come una rivista di settore < Hardware, the magazine of Choice >.
La descrizione degli oggetti sembra uno spot pubblicitario, il manuale KARMA è pieno di inserzioni tipo “AAA” o di vendita per corrispondenza.

L’ambientazione copre in dettaglio cose generalmente ignorate in altri giochi, come la moda, i locali trendy, gli svaghi dei ricchi, e gli sport più o meno legali di DownTown.
Certe idee sono genuinamente MALATE!

E per concludere, le illustrazioni di Dave Allsop ed altri autori sono davvero splendide e molto azzeccate.

In complesso il manuale base (ma anche tutti gli altri) possiedono un definito stile, molto evocativo dell’ambientazione, spesso divertente e coinvolgente.


– –
Conclusioni e Voto

Questo è veramente un gioco di “culto”.
Merita tantissimo e, nel suo genere, è stata la fonte di ispirazione originale di molte cose che sono venute dopo.

E’ un gioco versatilissimo e con enormi potenzialità, una volta che lo si conosce, e la sua ambientazione è una delle più belle ed intriganti che abbia mai letto.

Il sistema di regole è un po’ debole, ma i fan hanno prodotto montagne di materiale integrativo o alternativo…ci sono centinaia di house-rules per questo o per quello, libri interi di niovo materiale con razze, poteri, armi ed equipaggiamenti. Interi mini-supplementi di ambientazione, dei quali alcuni si sono spinti persino a fare conversioni per GURPS, il D20 ed altri sistemi!!!

Una pecca “formale” è quella di vederlo come un gioco di combattimento…ma è un grave errore.
Certo, ci si può menare come orbi ed affrontare minacce di ogni genere; la società di SLA Industries è spietata e violenta.
Ma come dicono sempre i creatori stessi del gioco < It’s not about Big Guns! >

Questo gioco ha un immenso potenziale Horror puro.
In una sessione il gruppo di giocatori era armato fino ai denti, baldanzoso e pronto a spaccare il mondo.
La sessione li ha visti “semplicemente” radunarsi ed affrontare il viaggio a DownTown fino al luogo dove dovevano COMINCIARE la missione.
Ebbene…i PERSONAGGI non hanno incontrato nulla, e non hanno combattuto, ma giunti a destinazione i GIOCATORI erano tesi come corde di violino, insicuri e scossi!

Indagini, azione, occulto, alieni, antichità, misteri e leggende, guerra e politica…Questo gioco offre infinite possibilità, dal gioco Psicologico a quello Action.
Il tutto nel suo stile distintivo.

Per gli amanti del “dark” o del “gotico” è un MUST.
Chi di Cyberpunk amava il cinismo e l’ambientazione distopica, con SLA scoprirà nuove vette mai immaginate prima.
E per tutti gli amanti di creature come il Predator o gli Alien, beh, ci sono sorprese che li renderanno felici.
E chi sogna da anni un GdR di Warhammer40k sarà soddisfatto di trovare un’ambientazione per molti aspetti simile, ma a mio giudizio molto più profonda e giocabile!

In conclusione, un OTTIMO gioco Dark-SciFi.

Voto: 9/10
Sito ufficiale: http://nightfallgames.co.uk/ / http://team8.co.uk/
Recensore: Hasimir

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.