Attacchi di opportunità (AdO): da un lato dovrebbero aumentare il realismo e la dinamicità del combattimento, ma dall’altro rendono il gioco più burocratico di una richiesta di estradizione:

Che succede quando col proprio AdO si spinge un avversario verso l’area minacciata da qualcun altro?

Ed è poi così sensato che un Tarrasque goda di un AdO contro una zanzara che gli vola 4 metri più in là?

A simili orribili dubbi non ci sarà MAI risposta.
Non una risposta logica, almeno.

 

A proposito dell'autore

Linguista
Oplologo
Speleologo
Archeologo
Ma soprattutto GDRISTA ^_^

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata