La storia di cui parleremo oggi è tratta da un evento catastrofico accaduto in Australia e mostra come la natura riesca a essere ingegnosa ed adattarsi ad ogni situazione. La notizia di cui parliamo è la quella delle Ragnatele di Wagga Wagga.

La storia

La cittadina di Wagga Wagga, situata nello stato australiano New South Wales, non lontano dalla capitale Canberra, è stata invasa da estese regnatele che hanno ricoperto per chilometri i suoli. Secondo gli esperti le ragnatele appiccicose sono state create dai ragni come mezzo per proteggersi dalle inondazioni, le stesse che hanno costretto 8000 persone ad abbandonare le proprie abitazioni a seguito dello straripamento del fiume Murrumbidgee. Il ragno Lupo, così è stato classificato da Owen Seeman, esperto di aracnidi al Queensland Museum, ha così elaborato un metodo del tuttowagga_wagga naturale per proteggersi dalle piogge alluvionali dei giorni scorsi; il clima molto umido dell’estate australiana ha inoltre favorito l’esplosione della popolazione dei ragni. Il responsabile del museo australiano di entomologia, Graham Milledge ha riferito che il comportamento dei ragni è conosciuto come “balooning” ed è utilizzato da alcune specie di ragni per sfuggire dalle inondazioni.

Il “balooning” è un modo di spostarsi nell’aria utilizzato da diversi ragni: gli animaletti secernono della seta che viene sollevata e trasportata insieme all’animale, dal vento. In questo modo i ragni possono compiere anche lunghi tragitti.

Anche Charles Darwin osservò il fenomeno, ecco il suo racconto: « nel mattino l’aria era piena di ragnatele a fiocchi […]. La nave era a sessanta miglia dalla costa […]. Un gran numero di piccoli ragni […] erano attaccati alla tela. Dovevano essercene, suppongo, a migliaia sulla nave. […] Il piccolo aeronauta non appena arrivava a bordo era molto attivo […] » Charles Darwin, The Voyage of the Beagle)

Avventure

L’incredibile notizia appena narrata ci fa riflettere sulla capacità di adattamento della natura e degli animali alle condizioni ambientali avverse e a quali risultati incredibili si possa giungere con la forza del numero. Esaminando infatti la notizia notiamo subito che sono due aspetti più interessanti: il potere di adattamento e la forza del numero. Nel primo caso la caparbietà dimostrata dal ragno nel voler sopravvivere e la non comune ingegnosità non possono non destare ammirazione e quindi fornirci un ottimo spunto, pensate infatti ad una situazione in cui a seguito di un cataclisma di portata planetaria i ragni trovino come unico sistema quello di creare un’enorme ragnatela e un sistema di “volo” capace di interessare non solo un piccolo appezzamento di terra ma interi continenti, in questo caso l’uomo dovrebbe lottare per non rimanere invischiato, letteralmente, in una fitta trama di tele intessute da caparbi ragni in lotta per la propria sopravvivenza.

pakistan-floods-drive-spiders-into-trees-water_34032_600x450_671516Variando leggermente i protagonisti e la situazione le creature potrebbero essere ragni giganti mutati geneticamente, in caso di ambientazioni “moderne”, oppure semplici ragni giganti intelligenti, se si tratta di ambientazioni fantasy, in ambe due i casi potrebbero decidere di mettersi insieme in gruppi organizzati per colonizzare il pianeta. Questi mostruosi esseri tessi-tele potrebbero essere anche “alieni”, dallo spazio o da altre dimensioni a seconda dell’ambientazione che giocate, che colonizzano nuovi mondi e li divorano per sostentarsi. L’idea di enormi tele in cui vi sono esseri in agguato a caccia di uomini non sono nuove alla cinematografia, cito due film per tutti: “Aracnofobia” e “Arac Attack – Mostri a otto zampe”,ottimi spunti per avventure stile survival horror.

L’altro aspetto da analizzare è quello del numero. Anche questo è un aspetto molto usato nel cinema, tanto per darvi un’idea guardate “The Swarm” , Killer bees, oppure “Swarmed – Lo Sciame della Paura (Genetic Crime)” , in effetti la paura generata dal “numero” è elevatissima, dovuta sia ad un senso di impotenza di fronte ad una minaccia al di là delle forze di chiunque sia all’impossibilità di fuggire a dei nemici che possono arrivare ovunque. Questa sensazione di angoscia atavica rende gli sciami i nemici ideali in un survival horror, quindi ottimi avversari per temerari eroi che devono combattere contro le loro paure. La parola insetto inoltre richiama facilmente il termine aracnofobia ed un narratore particolarmente subdolo potrebbe sfruttare la paura degli insetti di un PG per creare ulteriore suspense e drammaticità nel corso dell’avventura. Ovviamente gli stessi discorsi fatti sopra inerenti il cambio di natura ed aspetto dei protagonisti valgono anche qui, per cui i ragni potrebbero essere mostruosi essere alieni oppure nano macchine fuggite al controllo.obiettivo_natura_02

Un ultima riflessione prima di passare alle possibili avventure: immaginate che l’uomo abbia devastato la terra e che essa si sia ribellata facendo si che gli animali aggredissero a vista gli uomini, un po’ come il corpo umano fa con agenti estranei tramite i suoi anticorpi, e ora immaginate che i guardiani per eccellenza fossero dei ragni evoluti e cresciuti che utilizzano ragnatele enormi per catturare le loro prede, sicuramente questo darebbe origine ad interessanti storie da narrare; se l’idea vi stuzzica vi consiglio di guardare “After Earth. Ecco a voi ora due spunti per avventure, il primo di tipo fantasy, il secondo legato ad ambientazioni spiccatamente moderne.

Nella foresta di Larglor, nota per essere la tana di numerosi ragni giganti, recentemente sono iniziate delle sparizioni misteriose. I cittadini dei villaggi al bordo della foresta sono preoccupati e ingaggiano i PG per scoprire cosa sta succedendo, i PG entrando nella foresta scoprono che gran parte di essa e ricoperta di tele e che i ragni giganti hanno occupato gran parte del bosco, andando in profondità scoprono che un’enorme ragno ha preso il controllo della foresta ed è riuscito a unire sotto di se tutti gli altri formando un’enorme esercito con l’unico scopo di divorare tutto quello che vi è intorno.ragnatele_a

Il secondo spunto parte in un laboratorio scientifico. I PG vengono ingaggiati per scoprire cosa è accaduto in laboratorio scientifico di una grande multinazionale che si occupa di ingegneria genetica, i PG arrivati nel laboratorio, lo troveranno per la gran parte deserto, andando più a fondo scopriranno che venivano condotti esperimenti per modificare i ragni ed ottenere una tela più resistente da impiegare come tessuto dalla capacità fuori dal comune. Durante le loro investigazioni verranno in contatto con i ragni modificati e capiranno cosa è successo: i ragno si sono liberati ed hanno attaccato i loro creatori, creando un nido nella parte sotterranea del laboratorio, in cui si stanno riproducendo e, se i PG non interverranno, usciranno all’esterno causando danni irreparabili all’ecosistema.

Giochi consigliati

Il primo gioco che posso consigliare è sicuramente D&D e di seguito Warhammer, dove si potrebbe ambientare un’avventura nelle oscure foreste dell’impero e i ragni potrebbero essere creature mutate dal caos o da qualche alchimista pazzo, magari i PG potrebbero allearsi anche con gli uomini bestia per eliminare il nemico comune, alleanza quanto mai pericolosa ma che potrebbe fornire spunti interessanti. Proseguendo con il fantasy non si può non citare il Signore degli Anelli, in cui una trama incentrata sui ragni potrebbe essere ambientata a Bosco Atro e vedrebbe come nemico un figlio particolarmente malevolo di Shelob. Nell’ambito moderno possiamo utilizzare il Richiamo di Cthulhu in cui si può sfruttare uno degli dei “minori” dei Miti, Atlach-Nacha il signore dei ragni  , in questo caso le enormi tele potrebbero avere un effetto mistico legato al dio e magari ai ragni di Leng, Wild plants are covered in spiderwebs, formed as spiders escape from flood waters, in Wagga Wagga March 7, 2012. The Murrumbidgee river is slowly receding after reaching 10.56 m (34 feet) on March 6. Emergency services lifted the evacuation order for Wagga Wagga's central business district (CBD) but it remains in place for several towns across the region. REUTERS/Daniel Munoz (AUSTRALIA - Tags: ANIMALS DISASTER ENVIRONMENT)stesso discorso, anche se spostato nel futuro, vale per Cthulhutech. In ambito contemporaneo sicuramente Conspiracy X potrebbe essere sfruttato sia se l’avventura si base sull’ingegneria genetica a scopo bellico, magari aiutata da scienziati alieni, sia se basata su minacce aliene, in questo caso i “ragni” potrebbero essere venuti dallo spazio tramite un asteroide o tramite involontarie navi aliene dei Grigi o dei Sauriani o infine addirittura essere armi nanotecnologiche atlantidee scoperte per caso. Seguendo il mondo fantascientifico si possono sfruttare giochi come Shadowrun e Cyberpunk o addirittura Star Wars e simili, immaginando i nostri piccoli amici/nemici come entità aliene. In ultimo, entrando nel mondo dei super eroi, sicuramente si possono pensare avventure aracnofobiche in giochi come Project H.O.P.E. O Mutant&Mastermind, in questo caso i ragni potrebbero essere i servitori di un potente Villain nemico dei PG.

Link consigliati

Notizia da cui è tratto l’articolo
Sito con altri articoli inerenti la notizia 
Blog di news che tratta la notizia

A proposito dell'autore

Giocatore e soprattutto Master con un'esperienza ormai ventennale. E' anche Narratore di Giochi di ruolo dal Vivo con ambientazione Vampire Masquerade e Requiem da ormai dieci anni con una breve parentesi di tre anni come Narratore di Larp Fantasy.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.