Sembra il titolo di un film molto trash, vero? E invece è una storia vera ed è anche molto interessante. Oggi parleremo dell’Australia, della biodiversità, dei luoghi meravigliosi che spesso non sappiamo di poter trovare sul pianeta Terra e delle lumache rosa giganti, fluorescenti, per giunta.

lumache-rosa-storie-immaginaria-realtà-04

Ad alta quota, tra le nebbie che avvolgono perennemente il Monte Kaputar, nel NSW nord-occidentale, gli scienziati hanno scoperto un mondo segreto. Di giorno si tratta solo di un’altura ricoperta di muschio e vitigni autoctoni, ma nelle notti di pioggia si trasforma nel dominio di lumache rosa fluorescenti giganti. Enormi lumache carnivore che vagano per la montagna alla ricerca delle loro vittime vegetariane. Sembra già un film dell’orrore, eh? Frenate gli oscuri spiriti, ci arriviamo più in là.

In pratica è uno di quei rarissimi luoghi magici, da questa sensazione soprattutto quando si è lassù in una fredda, nebbiosa mattina

ha detto Michael Murphy, un ranger del parco nazionale da 20 anni.

Si tratta di una piccola isola di paradiso, una bolla di foresta alpina a centinaia di chilometri di distanza da qualsiasi altra cosa simile. Le lumache, per esempio, sono sepolte nel terriccio e nello strato di foglie durante il giorno, ma a volte di notte escono a centinaia e si nutrono della muffa e del muschio sugli alberi. Sono meravigliose creature, dall’aspetto surreale.

Gli abitanti del posto hanno a lungo riferito di aver visto strane lumache rosa dopo piogge abbondanti nella zona, ma è stato solo di recente che i tassonomi hanno confermato l’esistenza delle lumache, chiamate Triboniophorus aff. graeffei, così come molte delle specie di lumaca predatrici di altre lumache terrestri, si potevano trovare esclusivamente in cima alla montagna.

lumache-rosa-storie-immaginaria-realtà-05

Si tratta di una reliquia di un’epoca in cui gran parte della foresta pluviale dell’Australia orientale era umida. Probabilmente, questa specie sarebbe da tempo scomparsa se un vulcano non fosse divenuto attivo sul Mounte Kaputar circa 17 milioni di anni fa. Il risultato di tale eruzione fu la creazione di un rifugio naturale in alta quota per invertebrati e specie vegetali che sono rimasti isolati per milioni di anni, mentre le foreste pluviali australiane si ritiravano.

La loro eredità può essere fatta risalire al Gondwana (periodo nel quale la massa continentale dell’Australia era collegata ad altri continenti) tramite lumache loro parenti che sopravvivono in micro climi della Nuova Zelanda, Nuova Caledonia e Sud Africa. Ma le creature del Monte Kaputar sono geneticamente molto distinte dalle altre ed isolate in un’area di soli 10 Km di diametro sulla cima del monte.

lumache-rosa-storie-immaginaria-realtà-03

Il comitato scientifico dell’NSW si è convinto dell’unicità della zona ed ha appena fatto un accertamento preliminare per elencare il sito come una comunità ecologica a rischio. Ha dunque concesso dei livelli di protezione contro le intrusioni di agenti estranei molto più elevati del normale.

Queste specie si sono evolute da loro antenati di pianura e sono rimaste isolate in un ambiente altrimenti ostile a forme di vita come le lumache, quando le condizioni climatiche hanno iniziato a divenire via via più secche.

Così si è espressa la comunità scientifica in una relazione dell’NSW.

Si tratta di specie molto sensibile ai cambiamenti climatici. Se ci fosse stato un innalzamento di temperatura di più di uno o due gradi, probabilmente le lumache rosa si sarebbero estinte definitivamente.

Così, il signor Murphy ha spiegato:

Io sono un grande amante degli invertebrati. La gente tende a focalizzare la propria attenzione sui bellissimi uccelli dal piumaggio colorato, oppure sulle specie animali coccolose come i Koala. Ma questi piccoli invertebrati, nascosti dietro le quinte della biodiversità, possono davvero dominare interi ecosistemi.

In pratica, stiamo parlando di enormi lumache rosa fluorescenti carnivore che possono seguire la scia melmosa di altre lumache vegetariane anche per giorni interi, finché non le stanano e le inglobano. Alcuni hanno deciso di soprannominarle lumache rosa giganti cannibali, fate un po’ voi.


Spunti

Quante cose stanno frullando nella vostra testolina da giocatori di ruolo incalliti e, soprattutto, da master navigati? I film dell’orrore o di fantascienza che possano farci da spunto non mancano di stuzzicare la nostra immaginazione. Pariamo prendendola magari un po’ alla larga, vi va? Se penso ad una schifezza rosa carnivora a me viene subito in mente un vecchissimo film, che vi consiglio: Blob – Il fluido che uccide. Certo, in questo film si trattava di un qualcosa di arrivato sulla terra da un meteorite, peccato che il povero senzatetto che fece la scoperta non potrà raccontarvelo.

lumache-rosa-storie-immaginaria-realtà-01

 

Non una cosa identica alle nostre lumache rosa ovviamente, ma immaginate che arrivino da un altro pianeta e sembrino apparentemente innocue… o, ancora meglio, che siano (come in effetti sono) nient’altro che un cimelio di un’epoca ormai passata, preistorica… e che inizino ad espandersi dal loro habitat sviluppando un gusto per la carne umana e non solo di lumaca. Classica avventura con morti divorati da qualcosa di orribile che sembra averli disciolti, divorati… ma ora non c’è più. Perché le lumache, ricordiamolo, vengon fuori solo nei giorni di pioggia, di umidità estrema…

ed è proprio in quei giorni, quando la nebbia avvolge la città e l’umidità supera un certo livello, che avvengono le prime morti e, col passare del tempo, divengono sempre più frequenti. I Personaggi dovranno indagare senza avere la minima idea di cosa si tratti: sarebbe bello che il Master, inizialmente, facesse credere loro che le vittime potrebbero essere state disciolte nell’acido! Solo in seguito si scoprirebbe l’orribile verità, ma come fermarle e da dove sono venute? Questo lo lascio a voi, naturalmente.

Altri spunti sul tema possono venire anche da film come Slugs – Vortice d’orrore. Che se non l’avete visto, ecco, potete evitare…

lumache-rosa-storie-immaginaria-realtà-02

 

Trattasi, appunto, dell’ennesimo film in cui una specie di creature comuni, in questo caso lumache, a causa di tossine sparse da questa o quella industria chimica creata dall’uomo cattivo, muta trasformandosi in orribili lumache nere assassine che divorano i malcapitati scalandosi e liquefacendoli con la bava. Ovviamente nel film c’è un pover’uomo responsabile di epidemie che arriva in città ed investiga sulla questione… non il film più originale del mondo ma credo di aver reso l’idea: ci si possono fare molte cose con le lumache rosa giganti fluorescenti, molte di più che con le lumachine nere, a mio avviso.

Giochi Consigliati

Bisogna andare o nell’horror con il richiamo di Cthulhu o il World of Darkness e, perché no, il Mostro della Settimana (se vi piace il genere) o nel fantascientifico spinto, come con Cielo Cremisi: molte specie sono estinte sulla Terra ma molte sono nelle Terre Selvagge delle Necropoli… e se qualcuna di queste, per via del cambiamento di habitat, del cielo rosso e dell’ambiente artificiale fosse mutata? Oppure perché non qualche gioco come Traveller. Immaginatevi una storia alla Star Trek in cui i personaggi sbarcano su di un pianeta in cui, di notte, si alza una densa nebbia ed i membri dell’equipaggio scompaiono misteriosamente… indovinate cosa se li pappa o li rapisce? 😀

Link

A proposito dell'autore

Lettori, aiutatemi. La redazione che dovrei coordinare, da oltre 10 anni mi tiene in ostaggio! Mi fa scherzi cattivi, sono vittima di bullismo e vengo preso a pizze quotidianamente! Non so a chi altro rivolgermi! Aiutatemi!

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.