Anche quest’anno a Pontremoli (MS) l’associazione di giochi di ruolo dal vivo Camarilla Italia ha organizzato la CamaWeek: un evento per soli soci tenutosi da giovedì 6 a domenica 9 giugno. Durante queste giornate si tengono diversi live dei vari giochi del Mondo di Tenebra. Queste partite coinvolgono decine di partecipanti, quasi 150 per la sessione di sabato di Requiem, che è la serata di punta di tutto l’evento.

Quest’anno i due live che si sono tenuti sono stati Lupi Mannari: i Rinnegati e Vampiri: il Requiem.

 

Il Mondo di Tenebra dal vivo

Le varianti per GdR dal vivo dei famosi giochi della White Wolf si basano su un sistema pensato per mantenere l’esperienza di gioco la più vicina possibile a quella cartacea. Pertanto le schede sono identiche a quelle del gioco cartaceo ed i personaggi si sviluppano allo 983598_10201541033995850_2117236873_nstesso modo. La principale differenza tra il gioco cartaceo e quello live è il metodo di risoluzione dei tiri. Invece che tirare l’abituale numero di d10 in base alla somma dei vari parametri, si pesca una carta da un mazzo di carte coperte che vanno da 1 a 10 e si sommano caratteristica, abilità ecc. al risultato. Più è alto il tiro, maggiore è il numero di successi ottenuti.

Per quanto riguarda invece la gestione del gioco la cosa è più complessa. In pratica si applicano grosso modo le dinamiche del gioco cartaceo, solitamente giocato da un narratore e un gruppo che raramente supera i 5-6 giocatori, su una scala molto più ampia con decine di narratori e centinaia di giocatori. L’evento di Pontremoli infatti non è che un momento di punta in una serie di partite ad ambientazione Mondo di Tenebra che si svolgono parallelamente in tutta Italia al ritmo serrato di un live al mese per città giocante. Di conseguenza più che essere un live a sé stante è invece il momento in cui le trame delle varie città si incrociano, si sviluppano e i personaggi hanno l’occasione di conoscersi tra di loro anche proveniendo da terre lontane. Questo è particolarmente vero per il live di Requiem, che vede un sostanzioso numero di capitoli attivi e che a Pontremoli ha il suo momento di maggiore spessore.

Di conseguenza è difficile analizzare i live di Pontremoli come eventi a sé stanti, ma vanno inglobati in una continuity su scala nazionale che si evolve e prosegue ormai da anni e dunque è comprensibile solo partecipando agli eventi che si tengono in tutta Italia e cominciando ad entrare nelle dinamiche del gioco.

 

I Figli della Luna

Il live di Lupi Mannari si è tenuto durante la prima sera della CamaWeek, giovedì 6 e ha coinvolto una ventina di partecipanti tra giocatori e narratori.

1013809_10200181432515300_466232542_nIn gioco l’occasione per la quale si sono incontrati i Lupi Mannari è stato un raduno per decidere quale di due contendenti dovesse venire riconosciuto come guida dei licantropi d’Italia. Questi due guerrieri del popolo dei Rinnegati erano Flavio Ezio, un antico Lupo Mannaro risvegliato da un lungo letargo, e Heimdall, un potente comandante dal sud che ha passato molti anni a combattere i Puri. Entrambi i campioni erano mossi da narratori e supportati da branchi di personaggi giocanti. A rendere tutto ancora più intricato ed intrigante era stata messa in giro la voce che alcuni dei mannari vicini ad Heimdall fossero in realtà Mastini Funesti, traditori il cui unico scopo è quello di diffondere la corruzione nel mondo spirituale e discordia tra i Lupi Mannari stessi.
I toni si fanno accesi e a fatica si arriva al momento dello scontro tra i campioni senza che i due schieramenti si diano battaglia. Viene alla luce una strana tregua che alcuni dei Rinnegati hanno accordato con dei Puri, tanto che Pianto, uno dei personaggi di un branco da Milano, è arrivato a parlare per voce di uno degli Spiriti Totem dei Puri, secondo il quale la guerra che dilania i due popoli da secoli non dovrebbe essere.

382477_10200181434475349_188068809_nAlla fine giunge il fatidico momento e da ciascuno schieramento vengono scelti due guerrieri che affianchino ciascun campione in combattimento. Dopo un duro scontro la vittoria spetta a Flavio Ezio, che viene riconosciuto come signore iniscusso dei Lupi Mannari d’Italia.

Alla fine tutti riuniti si partecipa ad un complesso rito volto ad evocare uno spirito della Luna affinché si scoprano eventuali Mastini Funesti tra le fila dei sostenitori di Heimdall. Nel momento dell’evocazione la situazione si fa concitata e si arriva al punto di uccidere uno dei Mannari presenti nella foga e nella paura del momento, solo per poi scoprirlo innocente e che il vero Mastino Funesto era proprio colei che per prima lo aveva indicato ccome un nemico: la più fidata consigliera di Heimdall!

Il tutto finisce ovviamente con la morte della traditrice e con i presenti che giurano patti d’odio e di vendetta per espiare l’uccisione di un fratello innocente e ripagare i Mastini della loro perfidia.

Il risultato finale è stato un live dal sapore epico, sospeso tra il crudo realismo tipico del Mondo di Tenebra e le leggende del Popolo dei Lupi Mannari.

 

La Danza Macabra

L’evento centrale della CamaWeek sono state però le due serate dedicate a Vampiri: il Requiem. Essendo il gioco di punta di Camarilla Italia e giocato in tutta Italia ha visto naturalmente una partecipazione molto ampia (circa 150 persone) ed è particolarmente curato nella sceneggiatura e nell’articolazione delle serate di gioco, che solitamente ruotano attorno ad elementi di rilievo delle trame che stanno coinvolgendo tutto il panorama di gioco italiano.

In gioco il pretesto per riunire moltissimi Dannati da tutta Italia è un evento noto come Festa della Chimera e patrocinato dalle tre Congreghe del Terzo Stato (Ordo Dracul, Movimento Carthiano e Circolo della Megera) che mettono a disposizione di tutti il castello di Pontremoli come Elisium per l’occasione. Questa festa attira Vampiri da ogni Dominio, che si recano fin lì per condurre affari, trattative, avere notizie e pianificare alleanze e guerre.

1001163_10201539898647467_1751248178_nSolitamente le due serate, venerdì e sabato, sono rispettivamente dedicate ai Clan la prima e alle Congreghe la seconda.
Durante la prima serata, dunque, si riuniscono i cinque Clan per organizzarsi e fare il punto della situazione. Quest’anno, inoltre, in occasione della prima sera si è assistito al risveglio di un antichissimo Vampiro della Legio Mortuum, l’esercito dei Dannati dai tempi dell’Antica Roma. Oltre che con lui si è potuto parlare con altri Fratelli di quello schieramento, che così è stato introdotto al gioco.

L’altro grande evento della serata è stata un’asta organizzata dal Clan Daeva, alla quale i partecipanti hanno potuto sbizzarrirsi puntando all’ottenimento di strani trofei offrendo in cambio non solo denaro, ma anche favori, effetti personali e altre cose ancora più strane.
Ad “allietare” il tutto è stato il cosiddetto Circo del Magnifico Errante, un gruppo di Vampiri che potremmo definire un grottesco insieme di fenomeni da baraccone che hanno passato il loro tempo girando per l’Elisium ad intrattenere con le loro stranezze i presenti.

1004036_10201535916907926_1386127896_nLa seconda serata è stata invece dedicata a faccende più prettamente politiche e alle riunioni delle Congreghe, che sono la vera forza che smuove i personaggi e attorno alle quali ruota gran parte della politica interna al gioco. Come sempre questa è stata anche la serata più movimentata delle due.
Oltre infatti alle riunioni delle singole Congreghe sono avvenuti inoltre alcuni fatti eclatanti tra tensioni, annunci e molto altro.

Alcuni dei momenti salienti sono state le ripetute interferenze della misteriosa setta dei Belial, che sta assillando i Domini di tutta Italia. Dapprima s’è scoperto che uno dei Dannati presenti era contaminato in qualche modo da questa setta, una presenza all’interno di lui che è stata eliminata in maniera molto scenografica quando un potente personaggio della Megera, la Contessa di Castiglione, è giunta per strappargli una serpe dal ventre davanti a tutti.
L’altra loro interferenza è stata l’apparizione di un mortale in qualche modo posseduto che ha parlato per loro voce, mettendo in dubbio e schernendo le fondamenta stesse delle Congreghe vampiriche e tentando di seminare discordia.

Il live di Requiem è un’esperienza complessa e ricca di intrighi e misteri e i molti partecipanti da tutta Italia, ognuno con una sua storia sviluppatasi giocando, rendono l’esperienza molto profonda e varia.

1004422_10200720178478852_355601210_n

 

Conclusioni

L’insieme di eventi che compongono la CamaWeek in realtà non sono che una parte dell’evento. Una buona parte del divertimento è anche il tempo che passa tra un live e l’altro. Avendo a disposizione il castello 24 ore al giorno per tutta la durata della CamaWeek si passa moltissimo tempo in compagnia degli altri giocatori a chiacchierare e giocare insieme nei cortili e sulle mura del castello. In pratica si passano quattro giorni a vivere immersi in una comunità di giocatori da tutta Italia.
Nell’insieme, a fronte di un costo di 35€ per tutto l’evento, vitto e alloggio inclusi (posto letto da pagare a parte, ma non obbligatoriamente) si ha un servizio ottimo, con pernottamento all’interno del castello, ottimo cibo e la possibilità di giocare ai propri giochi preferiti in compagnia e provarne di nuovi.

Maggiori informazioni al sito: www.camarillaitalia.it o sulla Pagina Facebook di Camarilla Italia

 

A proposito dell'autore

Giocatore di ruolo e master da diversi anni, coltiva la passione per il GdR fin dall'adolescenza quando, ancora ignaro del grande mondo che stava dietro al suo hobby, si rifugiava settimanalmente nella cantina di un amico a giocare a D&D con altri quattro gatti. Nel bene e nel male ora è un po' più consapevole di quel vasto universo che è il GdR, e questo anche grazie a GdR Italia. A tempo perso scrive racconti fantasy e di fantascienza. Ogni tanto suona anche il basso.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.