In Ultima Forsan i cavalieri teutonici sono un baluardo nella lotta contro i morti, ma non sempre è stato così. O meglio, non tutti. Nel 1410 un’armata di cavalieri teutonici morti stava per scatenare la sua ira contro le poche terre libere rimaste. A Grunwald un’armata di cavalieri polacchi, cechi e lituani li affrontò in una battaglia decisiva per le sorti dell’Europa. Non si sa bene cosa sia accaduto, ma alla fine l’armata delle progenie del flagello fu spazzata via.

La vittoria richiese però un prezzo pesante: il fior fiore della gioventù polacca e lituana cadde nella tremenda battaglia, permettendo ai morti in seguito di devastare e conquistare le loro terre e solo pochi riuscirono a rifugiarsi nel regno d’Ungheria e Benevento, dove furono ben accolti. Dopo cent’anni, della grande armata di teutonici corrotti, pochi parlano, soprattutto fra i cavalieri teutonici stessi che li considerano una macchia nella loro gloriosa storia.

Negli ultimi tempi, però gli avventurieri e i cacciatori di morti che di tanto in tanto s’aggirano per quelle lande desolate ritornano con strani racconti: cavalieri teutonici che spuntano dalle nebbie con una forza sovrumana, massacrando chiunque si frapponga a loro e bande di negromanti diretti verso Grunwald come richiamati da un’oscura forza.

Nelle chiese e nelle fortezze dei cavalieri teutonici accadono strani portenti e prodigi che confermano l’antica maledizione: in questo momento sulla terra ci sono due gran maestri dell’Ordine.

tumblr_nua4w3TPD41t2t2gmo1_1280-(1)

Il colosso di Grunwald 

Nei racconti dei pochi reduci è citato questo possente gigante dalla forza e ferocia straordinaria che fece il vuoto nelle file polacche e che fu alla fine sconfitto in duello da uno sconosciuto cavaliere.

Attributi Agilità d4, Forza d12+4, Intelligenza d6(A), Spirito d6, Vigore d12

Abilità Arrampicarsi d4, Combattere d6, Nuotare d4, Percezione d4

Carisma: what???; Passo 25 Parata 5 ; Robustezza: 22 (3)

Capacità speciali

Non morto: +2 a Robustezza, + 2 per riprendersi dalla condizione di scosso, i colpi mirati non infliggono danni aggiuntivi. Frecce, lance e altri attacchi da punta infliggono solo metà danno. Immune a veleni e malattie.

Paura: Il colosso è una creatura spaventosa e chi lo vede deve fare un test di paura a -2

Senza paura: tutti i morti sono immuni a paura, intimidire e tutti gli effetti similari.

Stormo di corvi ferali: uno stormo di corvi ferali (pag 194 Ultima Forsan) accompagna il colosso di Grunwald attaccando i suoi nemici.

Grande (+2 a colpirlo)

Taglia +6 (già contato nella scheda)

Mazza colossale intrisa d’atramento: forza+d10+2

Protagonista 

Armatura: 3 corazza antica (già contato), elmo chiuso (3 armatura e protegge dai colpi alla testa)

nevsky

L’arcivescovo oscuro

Già in vita temuto per la sua crudeltà, ha abbracciato i poteri dell’oscurità, sostituendo i simboli cristiani con uno strano simbolo mostratogli in una visione che gli garantisce potenti poteri negromantici. E’ il primo consigliere del Gran maestro dell’ordine.

Attributi Agilità d6 Forza d6 Intelligenza d12 Spirito d12 Vigore d8

Abilità  Combattere d8 Conoscenze (flagello) d10 Conoscenze occulto d12 Furtività d6 investigare d8 Negromanzia d12 Percezione d8 Persuasione d12 Provocare d10

Svantaggi: Brutto, Meschino

Vantaggi: background arcano (negromanzia), volontà di ferro

Carisma: -4  Parata 4 Passo 15 Robustezza: 8

Capacità speciali

Immondo: L’arcivescovo oscuro possiede tutte le capacità speciali dei comuni morti, tranne fame cieca e morte celebrale.

Poteri: tutti quelli degli alchimisti e dei fattucchieri.

Resistenza al danno: tutti i morti protagonisti non subiscono penalità dalle ferite

Rigenerazione rapida: L’arcivescovo oscuro può effettuare un tiro su guarigione naturale per round, a meno che non siano stato mutilato o ferito da fuoco o fiamme.

Protagonista

Arcivescovo dei cavalieri teutonici morti: L’arcivescovo oscuro ha un controllo quasi assoluto sugli altri cavalieri Teutonici morti, escluso naturalmente il Gran maestro. Come azione gratuita, può imporre la sua volontà su ogni cavaliere Teutonico morto a vista, dandoli dei comandi che i cavalieri eseguiranno al meglio delle proprie capacità anche se dovesse interrompersi il contatto visivo.

AlexanderNevsky03

I cavalieri teutonici morti

Utilizzate le regole sugli ossessi, littori (pag 200 Ultima Forsan) con le seguenti modifiche: invece di elmo aperto, elmo chiuso (armatura+3 protegge la testa), spada lunga intrisa di atramento for+d8 oppure lancia intrisa d’atramento for+d6 parata+1, portata 2,5 che possono utilizzare a una mano insieme allo scudo, scudo medio con il simbolo dell’ordine teutonico (+1 parata, +2 armatura contro armi a distanza). Ogni 10 cavalieri, uno avrà un incubo (pag 201 Ultima Forsan) come cavalcatura e una lancia da cavaliere intrisa d’atramento for+d8 PA 2 quando in carica, solo a cavallo, portata 5.

nevsky-knight

Il gran Maestro Ulrich von Jungingen

Attributi Agilità d10 Forza d12 Intelligenza d10 Spirito d12 Vigore d12

Abilità Combattere d12 Conoscenze della battaglia d10 Conoscenze (flagello) d12 Conoscenze occulto d12 Furtività d6 Negromanzia d10 Percezione d12 Persuasione d8 Provocare d10

Carisma: -2  Parata 10 Passo 15 Robustezza 14 (4)

Svantaggi: brutto, codice d’onore (anche se corrotto, rimane comunque un cavaliere per cui,per esempio, accetterà una sfida a singolar tenzone), presuntuoso, vendicativo,

Vantaggi: arma personale migliorata( il suo spadone), bloccare migliorato, contrattacco migliorato, istinto omicida, nervi saldi migliorati, primo colpo migliorato, senza pietà, spazzata migliorata, comando, fervore, leader nato, mantenere le posizioni, presenza imperiosa, tattico.

Equipaggiamento. Spadone del gran maestro intrisa d’atramento for+d10: essendo un arma corrotta infligge 1d6 danni aggiuntivi contro i vivi. Armatura del gran maestro (4 armatura). Elmo del gran maestro (4 armatura e protegge dai colpi alla testa), lancia da cavaliere intrisa d’atramento for+d10 PA 2 quando in carica, solo a cavallo, portata 5

Capacità speciali

Immondo: Il gran Maestro possiede tutte le capacità speciali dei comuni morti, tranne fame cieca e morte celebrale.

Resistenza al danno: tutti i morti protagonisti non subiscono penalità dalle ferite

Rigenerazione rapida: Il Gran Maestro può effettuare un tiro su guarigione naturale per round, a meno che non siano stato mutilato o ferito da fuoco o fiamme.

Ha un incubo (pag 201 Ultima Forsan) come cavalcatura.

Protagonista 

Gran Maestro: Il gran Maestro ha un controllo assoluto sugli altri cavalieri Teutonici morti. Come azione gratuita, può imporre la sua volontà su ogni cavaliere Teutonico morto a vista, dandoli dei comandi che i cavalieri eseguiranno al meglio delle proprie capacità anche se dovesse interrompersi il contatto visivo.

1024px-PL_GMB_Malbork_Castle_across_Nogat

Il castello di Malbork/Marienburg

Molto probabilmente i cavalieri teutonici morti stanno utilizzando la gigantesca fortezza di Malbork, il più esteso castello in mattoni mai costruito. Qui potete trovare un saggio in inglese con numerose immagini e piantine che potete utilizzare durante il gioco.

Castillo_de_Malbork,_Polonia,_2013-05-19,_DD_17

Note: sia l’arcivescovo oscuro sia il gran maestro sono antagonisti da fine campagna. Ho costruito lo “scheletro” delle loro schede ma mi aspetto che siano personalizzate dal master per le sue esigenze. La loro forza non è nelle loro caratteristiche, sia pur interessanti ma nel fatto che possano controllare un esercito di morti quasi invincibili per cui una campagna contro di loro si baserà probabilmente sull’impedire il ritorno completo della loro armata. Questa è una prima bozza, per cui se avete suggerimenti, critiche,etc sono ben accetti.

Note storiche: Ho utilizzato per questo articolo alcune immagini tratte da Aleksandr Nevskij, film del 1938 dal regista Sergej Michajlovič Ėjzenštejn (si, quello della Corazzata Potëmkin di Fantozzi) che narra la battaglia del lago ghiacciato che si svolse quasi due secoli prima, rispetto alla battaglia di Grunwald, per cui dal punto di vista storico, le armature non corrispondono. Ho valutato però che i cavalieri teutonici morti, blah blah, negromanzia, blah blah, anche Ejzenstein si è preso qualche libertà, blah blah, le armature erano fighe… Il castello di Malbork/Marienburg fu utilizzato dai nazisti durante la seconda Guerra Mondiale e sembra che al suo interno si svolgessero rituali di vario genere, per cui anche se non siete interessati a giocare Ultima Forsan, e fate male 🙂 è comunque perfetto per un avventura di Cthulhu e in generale per qualsiasi gdr ambientato in quel periodo.

Edit: ringrazio Giuseppe Rotondo che mi ha fatto notare alcuni errori nella creazione dei morti di questo articolo. Ci sono alcune piccole variazioni rispetto alla versione originale. 

I cavalieri di Tannenberg (Ultima Forsan)
81%Punteggio totale
Voti lettori: (9 Voti)
81%

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata