infinity-logoAi più il nome Corvus Belli dirà poco; per gli appassionati rappresenta una delle più note case produttrici di miniature storiche in Spagna.
Da una decina d’anni, però, l’azienda si è lanciata sul mercato del gioco fantascientifico producendo Infinity, un wargame di stampo “skirmish”. Nel giro di questi dieci anni Infinity è diventato piuttosto popolare e si è diffuso in tutta Europa; in Italia è commercializzato da un paio d’anni dalla Gametrade, la stessa che pubblica Force of Will.

Infinity_miniatures

Infinity è caratterizzato da fazioni affascinanti e originali, un’estetica che strizza l’occhio al mondo dei manga e al cyberpunk, oltre che da un set di regole veloci, complete e dinamiche. Per giunta non richiede una spesa eccessiva per iniziare a giocare, tanto che il manuale di gioco è disponibile gratuitamente sul sito di Corvus Belli.

Quello che a noi interessa però è il recente kickstarter lanciato dalla Modiphius (gli stessi di Acthung! Cthulhu, Mutant Chronicles 3rd Edition e Mutant: Year 0) per produrre la versione gioco di ruolo di Infinity.

A differenza di Warhammer, infatti, il mondo di gioco si presta molto bene all’interazione pacifica tra fazioni: un fattore che lo rende particolarmente adatto per il roleplaying.

Nel momento in cui scriviamo, il kickstarter ha già avuto successo, raccogliendo quasi 200.000 sterline a fronte di una richiesta di 25.000; si prevede già un’anteprima dei numerosi PDF previsti intorno a dicembre di quest’anno, mentre per la versione cartacea sarà necessario attendere i primi mesi del prossimo anno.

Che aspettate? La Sfera Umana vi attende.

 

Si ringrazia Stefano Padelli per aver contribuito alla stesura dell’articolo.
Infinity : il Cyberpunk dalle Miniature al GdR
100%Punteggio totale
Voti lettori: (5 Voti)
100%

A proposito dell'autore

Lavos-D è un illithid colmo di bontà e di dolcezza, che distilla interamente nei suoi favolosi dolci: per questo non gliene resta più quando scrive i suoi acidissimi articoli. Il suo motto è provare qualsiasi gioco esistente, sennò non lo si può criticare. Quando il suo eterno ruolo di master gli lascia tempo libero lavora a GdRITalia in veste plurima di pasticciere ufficiale, redattore, editor, (re)censore, traduttore in seconda e spalla comica a tempo perso. Da quando si è autoproclamato sommo sacerdote del Grande Cthulhu si è montato la testa e non ci si ragiona più.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.