Salve a tutti, quest’oggi dopo aver toccato il genere supereroistico demenziale (che decisamente mancava alle segnalazioni fatte finora) alla Ratman torniamo questa settimana a un genere più classico: il fantasy. Che palle potrebbe dire qualcuno di voi… Bhè io invece sono dell’idea che per avvicinare il giocatore novizio e magari anche “giovincello” il fantasy sia decisamente il modo migliore soprattutto di questo periodo. Ovviamente tenete sempre conto che ognuno ha i suoi gusti e soprattutto conosce i suoi amici al tavolo da gioco meglio di altri, pertanto facciamo che io vi segnalo questo bel free to play e poi decidete voi!

Oggi pertanto vi parlerò de “L’attacco degli Orchi” un modulo avventura che al suo interno contiene già anche delle regole semplici per giocarla! Consigliato per un minimo di 3 persone (il Master e due giocatori) fino a un massimo di 5 (1 Master e 4 giocatori) questo modulo vi porterà nelle terre ambientato nel nord dell’immaginario e fantastico continente di Kalan. Il Nord è un territorio selvaggio e indomito, regno delle tribù di barbari, ricco di risorse naturali, libero dal controllo dell’Impero. Lo potete scaricare a questo link direttamente dal sito della DaimonGames.

1. Note generali e Ambientazione

L'attacco degli orchiAbbiamo già parlato della DaimonGames, più esattamente in occasione della segnalazione di Dàimon 2090, quindi oggi siamo passati dal genere cyberpunk a quello fantasy, notevole! Comunque il gioco si presenta come un file di ben 47 pagine in formato a5 in .pdf, volendo c’è la possibilità di comprarlo (in questo modo aiutate anche la DaimonGames) in versione cartacea da Lulu. La copertina ha un bel disegno evocativo a opera di Daniel Comerci, mentre alcuni disegni all’interno del manuale appaiono dando un’idea invece di essere più abbozzati che quello di copertina. Un peccato perché il primo disegno è stato quello che mi ha attirato inizialmente e per il quale ho messo oggi in scaletta questo gdr 😛

Comunque il manuale si presenta scritto molto bene, testo giustificato e a una sola colonna. Inoltre non troverete un muro di testo che vi potrebbe psicologicamente indisporre, ma elenchi e paragrafi ben spaziati in modo tale da non affaticare troppo la vista. Giudico personalmente quindi la grafica e l’impaginazione di questo manuale molto ben fatto. Diamo uno sguardo ora al mondo di questo modulo avventura.

Direttamente dal sito leggiamo quanto segue:

Il Nord è un territorio selvaggio e indomito, regno delle tribù di barbari, ricco di risorse naturali, libero dal controllo dell’Impero. Ma la libertà ha il suo prezzo: queste terre sono territorio di caccia di grandi animali da preda, sono periodicamente battute da orchi e troll e altri mostri, gli inverni sono lunghi e rigidi, le varie tribù dei barbari spesso in guerra l’una con l’altra.

Quindi un territorio dove sopravvive il più forte, e dove le incursioni di creature dall’indole propriamente non pacifica sono all’ordine del giorno. Se siete interessati a questa particolare ambientazione, potete trovare anche una mappa e leggendo dal sito si può intuire che prossimamente usciranno altre avventure dedicate a questo mondo. Inoltre vi sottolineo che per chi di voi mastica l’inglese quelli della DaimonGames hanno fatto uscire nella lingua di Albione anche Dragon Marked. Potrei aggiungere altro, ma poi vi rovinerei il modulo e l’avventura stessa pertanto mettiamola così: l’avventura e il regolamento di gioco (che troverete illustrato dopo) sono ottimi per chi vuole iniziare a giocare, oppure da portare a eventi/fiere se dovete fare delle demo di gdr!

 2. Regolamento

Le regole sono molto semplici, anzi veramente minimali, innanzitutto essendoci già 4 schede non dovrete perdere tempo a farle voi o a farle fare ai vostri giocatori! !uesto è già un grosso punto a favore di questo manualetto. Anzi come già detto prima questo tipo di moduli è perfetto per eseguire delle demo se avete poco tempo per dedicare alla realizzazione e messa a punto di un’avventura se siete già impegnati con l’organizzazione dei tavoli! Inoltre il sistema di gioco è veramente alla portata di tutti. Andiamo a vederlo…

Ogni scheda ha 4 Caratteristiche che sono Potenza, Agilità, Saggezza, Spirito. Esse avranno un valore da 1 a 10, che rappresentano il punteggio base per i test eseguiti dai vari pg quando dovranno compiere azioni, confronti e gli immancabili combattimenti. Ad ogni Caratteristica sono associate 3 Abilità, che indicano numericamente quanti d6 lanciare per le azioni relative. Esempio: Marco prende Relorian (esempio completamente inventato in questo modo non si spoilerano neppure le schede) che ha Agilità 5 e Mira 3. Tirerà quindi 3d6 e come base per calcolare il risultato finale dovrà utilizzare il 5 di agilità.

Come si capisce se un’azione è riuscita?

Molto semplice si tiene conto di ogni risultato sui vari d6 in questo modo:

[1] sottrarre un punto dal punteggio totale;
[2,3] neutro, nessuna modifica al totale;
[4,5,6] aggiungere un punto al punteggio totale.

Quindi sempre seguendo l’esempio precedente Marco lancia 3d6 e ottiene 1 – 3  – 6. Che sommati ad Agilità 5 danno un risultato di 5 (-1 per il [1] e +1 per il [6]. Veramente semplice e intuitivo! Ovviamente nel caso di azioni contrastate “vince” chi effettua il risultato maggiore. Attenzione però questi tiri possono essere manipolati con la spesa dei Dadi del Destino che sono un ammontare di ben 7 dadi che tutti i pg avranno a disposizione, ovvero per una determinata azione, magari importante o cruciale per l’esito dell’avventura stessa possono incrementare i dadi a disposizione di una singola abilità. I Dadi del Destino una volta utilizzati, devono essere depennati dal totale, ma un giocatore può riguadagnarne altri nel corso dell’Avventura come indicato di seguito:

• +1DD all’inizio di ogni INCONTRO
• +1DD per L’INTERPRETAZIONE CONVINCENTE di un Tratto del PG
• +2DD se questo mette IN PERICOLO O CAUSA DANNO al PG

Quando un PG offre il suo aiuto per compiere un’azione, può prestare un Dado Destino al compagno per migliorarne le probabilità di successo. Questo Dado del Destino viene scartato al termine dell’azione.

Ovviamente un Master in base alla situazione può metterci dei bonus o dei malus tanto che com’è scritto nel manuale:

I VANTAGGI E LE PENALITÀ possono essere indicati come +/-xD6, modificando
i dadi a disposizione, oppure come +/-x, quando il valore di x si aggiunge/
sottrae al risultato finale

Inoltre molto importanti e funzionali all’avventura ogni scheda del pg ha uno spazio dove segnare eventuali punti Gloria. Questo valore indica la considerazione in cui è tenuto il personaggio in relazione ai suoi obiettivi e alle sue azioni. Si può ottenere Gloria come illustrato di seguito:

• +1 per ogni nemico ucciso o sconfitto (solo se effettivamente di ostacolo al PG nella realizzazione dei suoi scopi);
• +1 PER OGNI AZIONE RILEVANTE, che avvicini il PG a realizzare i suoi scopi o aiuti od ostacoli un altro PG in modo significativo;
• +1, +2 o +3 per il completamento di un OBIETTIVO.

Ogni 5 punti Gloria, il giocatore può sbloccare un Talento a scelta, tra quelli disponibili per il proprio pg. I punti Gloria non sono spesi,
servono semplicemente ad indicare quando il Giocatore può attivare un nuovo Talento.

Inoltre durante il combattimento la meccanica dei danni è ancora più semplice infatti il danno inferto è pari al danno dell’arma, più l’eccedenza eventuale tra il tiro di attacco e il tiro di difesa del bersaglio. Il combattimento è molto semplice, ma non per questo banalizzato anzi per gli amanti dei tecnicismi c’è anche una sezione con gli approfondimenti proprio per il movimento e per simulare difficoltà o eventuali situazioni di svantaggio.

3. Conclusioni

Un modulo avventura con tanto di regolamento veramente minimale, ma assai completo. Raramente ho visto un modulo così, quindi se per caso la vostra sessione settimanale è saltata, avete da far provare cos’è un gdr ai vostri amici in una giornata uggiosa mentre siete su in montagna (o per le feste natalizie) che si stanno avvicinando questo è veramente l’ideale. Un’ottima cura dei dettagli anche se qualche disegno avrebbe potuto essere come dire eseguito col tratto meno abbozzato. Diteci come l’avete trovato e con chi ci avete giocato, io come al solito vi auguro Buon Gioco!

 

A proposito dell'autore

Presidente dell'Associazione Ludica Oltretempo di Castelnuovo Rangone (Mo). A tempo perso gli piace giocare e provare un po' tutti i giochi di ruolo, anche se preferisce quelli italiani. Nel suo passato ha praticato anche un po' di sport quali nuoto, scherma medievale, e ovviamente anche "soffi air"...

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.