Soffitta-dei-giochi-finitoNET

Buon giovedì mattina a tutti i nostri giocatori! Oggi, per il vostro fine settimana, abbiamo pensato di segnalarvi un gioco di ruolo horror, magari da provare alla sera a lume di candela. Stiamo parlando di “Kabal” un gioco di ruolo creato da Dante Bianchi, Eric Di Donfrancesco e Ciro Alessandro Sacco. Purtroppo il gioco è disponibile solo in versione .html, ma visto che non è particolarmente lungo si può leggere anche dal vostro browser preferito. Il link a cui potrete trovarlo e ovviamente anche scaricarlo lo trovate qui!

Passiamo ora ad analizzare il gioco come di prassi.

1. Ambientazione

Il gioco parte dal presupposto che esista una dimensione oscura, dalla quale per secoli attraversando delle crepe, si sono infiltrati esseri che non sono di questo mondo, come fantasmi, mannari e tutto quello che più di oscuro ci sia. Nel corso dei millenni in molti hanno combattutto questi esseri, in prima linea uomini di chiesa e religiosi che non sapevano esattamente contro cosa combattevano hanno permesso che questi esseri non dilagassero per il nostro mondo. Ora il compito spetta a insospettabili persone, che casualmente vengono in contatto con l’orrore, essi hanno un compito a cui devono assolvere, eliminare ciò che hanno scoperto. Il gioco anche se non lo espone esplicitamente è di quelli che pongono al giocatore la fatidica domanda:

Vivi per te stesso o per gli altri?

Questo perché una volta venuti a conoscenza di un orrore superiore, fareste di tutto almeno per proteggere i vostri cari oppure lasciereste stare le cose come stanno? Il gioco oltre a presentarci questa inquietante scelta pone i giocatori come unico baluardo con quello che più di strano esiste, con pochi mezzi a disposizione per contrastare quello di cui sono testimoni. Nessuna strana associazione segreta, nessun manuale del perfetto cacciatore, ma solo scoprire sulla propria pelle se le leggende sono vere.

Come dico sempre è un peccato che sia dal 2005 che nessuno lo aggiorni perché credo davvero che lo spunto iniziale sia meritevole almeno di considerazione, speriamo che gli autori leggano questa segnalazione e tornino a lavorarci sopra!

2. Regolamento

Il gioco è assai semplice: fin dalla creazione del personaggio si può notare che basta possedere un paio di comuni dadi a sei facce ed un foglio di carta su cui segnare le sue caratteristiche che sono sette: Forza, Taglia, Agilità, Intelligenza, Volontà, Osservazione e Personalità.

La Forza rappresenta la possanza fisica del vostro personaggio ed è molto importante nelle situazioni in cui si debbano menare le mani.

La Taglia invece rappresenta le dimensioni del vostro personaggio. Può essere importante averla presente nel caso percorriate passaggi stretti o il personaggio occupi con altri colleghi uno spazio decisamente limitato.

L’Agilità rappresenta la destrezza e la velocità proprie del vostro alter ego. Inoltre, questa caratteristica influenza anche la capacità che il personaggio ha di colpire con le armi da fuoco o schivare pugni e proiettili.

L’Intelligenza rappresenta l’acutezza mentale del personaggio ed è utile nel caso di situazioni di stallo, quando un colpo di genio o una semplice deduzione possono risolvere una fase infelice dell’avventura.

La Volontà rappresenta per la mente ciò che la Forza è per il fisico. La Volontà indica la stabilità emotiva e mentale, la capacità di tollerare spettacoli orribili o resistere ai tentativi degli esseri della Dimensione Oscura di controllarvi.

L’Osservazione è quella capacità innata di riconoscere “qualcosa che stoni”: una gaffe in un discorso, un particolare seminascosto o un rumore sommesso nella foresta.

La Personalità infine rappresenta il carisma personale del vostro personaggio, l’abilità di affascinare le persone come pure di imporsi su individui recalcitranti a collaborare. Molto utile per le indagini con testimoni poco ben disposti o impressionabili.

Per determinare le caratteristiche dovete tirare due dadi e sommare un “6” fisso al totale uscito. Ecco che il vostro pg è finalmente pronto. Per effettuare i tiri e verificare l’esito delle azioni, si tirano semplicemente 3d6 e si somma i loro valori. Se tale somma è inferiore al valore della caratteristica il tiro ha avuto un successo, altrimenti si è verificato un insuccesso. In Kabal non ci sono vere e proprie abilità, ma solo caratteristiche, che non possono mai superare il 18, e che però possono essere personalizzate nel momento della creazione in base a un bonus (minimo 1 massimo 7) dato dal Master in base alla creatività mostrata dal singolo giocatore.

Il Combattimento inoltre può essere di tipo mentale in più ai classici metodi di combattimento con le armi da distanza e con quelle corpo a corpo. Il tutto gestito molto semplicemente con le sei caratteristiche a cui nei differenti casi si sommano i d6.

Un gioco sicuramente vecchio, ma funzionale, che nel pacchetto include perfino un’avventura con la quale buttarvi immediatamente nelle atmosfere di questo gioco.

3. Curiosità e Conclusioni

Mentre stavo scrivendo questa segnalazione e cercavo in rete la scheda di questo gioco che ahimè manca completamente dal link che vi ho segnalato, scopro che il funambolico autore Danilo Moretti (per chi non lo conoscesse è l’autore di Legione – il potere nelle vostre mani e di Super Adventures – il gioco di ruolo con i superpoteri! solo per citare i suoi giochi sui super eroi), contattando i vecchi autori proprio quest’anno ne ha fatto uscire una nuova e aggiornata versione! Ok magari sono io che ho scoperto l’acqua calda, ma visto che a voi giocatori non facciamo mancare nulla vi segnalo il link  da cui potrete scaricarlo. Per godervi dell’ottima impaginazione e della nuova versione di questo gioco è richiesto solo un misero mi piace, che dire mettetelo e dopo potrete scaricatevelo come ho fatto io!

In definitiva mentre la prima versione che vi abbiamo proposto di Kabal risente di quello che era l’allora D. & D., ora il regolamento nella nuova versione, potete scegliere con quale gioco provarlo:

  • adattato alle regole di Systema;

  • compatibile anche con Fenomena • il gioco di ruolo dell’insolito.

Ancora una volta speriamo che l’articolo vi sia piaciuto! Che dirvi se non che vi consigliamo caldamente di scaricarvi la versione che vi pare migliore! Inoltre ci farebbe molto piacere ricevere vostre impressioni su come vi sembra…

Buona Lettura e alla prossima settimana!

 

A proposito dell'autore

Presidente dell'Associazione Ludica Oltretempo di Castelnuovo Rangone (Mo). A tempo perso gli piace giocare e provare un po' tutti i giochi di ruolo, anche se preferisce quelli italiani. Nel suo passato ha praticato anche un po' di sport quali nuoto, scherma medievale, e ovviamente anche "soffi air"...

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.