Logo di A.R.S.Oggi vi parliamo di un gioco sulla cui semplicità il suo autore  “Bak” ha fondato un’intera struttura chiamata “House of Bak” in un luogo come Reggio Calabria dove le attività legate al gioco di ruolo non erano minimamente conosciute. Bak nel 2005 crea il suo gioco di ruolo che chiama A.R.S. acronimo che sta per “All-purpose Roleplaying System“, questo sistema è talmente semplice e di immediata comprensione che il regolamento base sta in una sola pagina! Non ci credete? Malfidenti andate a scaricarvelo a questo link

A.R.S. è un gioco di stampo prettamente generico, ma a differenza di tanti altri è stato profondamente sviluppato, infatti a questo link potrete trovare espansioni che vi permetteranno di:

  • gestire la magia nel caso vogliate ambientazioni fantasy;
  • capire e gestire eventuali poteri mentali;
  • consigli su come creare un’ambientazione e su come diventare Magister (Narratori o Master per intenderci);
  • approfondimenti su come creare i personaggi ampliando quindi quanto esposto nel manuale base;
  • per usare questo sistema in modo completamente diceless (consigliato per giocare via Hangout, sui Forum o play by Chat);
  • ben due ambientazioni già preconfezionate “Free Ages of Camelots” & “Servi del Crepuscolo“;
  • per essere usato come regolamento per giocare live!

1. Annotazioni & Workaround 2013

Nonostante il formato piuttosto ristretto, l’insieme dei vari documenti che viene presentato al pubblico è comunque ben fatto: poche immagini, ma quelle presentati sono molto belle, il testo risulta scorrevole e accompagnato da esempi che illustrano quanto appena spiegato in modo ineccepibile. Piuttosto interessante l’uso da parte di Bak, l’aver ‘inserito dei simboli all’interno di un cerchio arancione che fanno capire al lettore che tipo di paragrafo sta venendo letto. Tutte le parti di testo inerenti al regolamento sono contraddistinte da un block notes, un “ciak cinematografico” vi fa intuire che state leggendo un esempio, mentre il segnale di Attenzione (si come quello della segnaletica stradale) indica un particolare caso a cui dovrete prestare “attenzione”!

Cos’è il Workaround 2013?

Sul sito (andate pure qui) da dove potrete scaricare tutto il materiale inerente a questo gioco di ruolo veramente minimale, è partito un progetto appunto di “Workaraund” che mira al miglioramento e al perfezionamento di questo gioco di ruolo. Purtroppo il limite massimo per inviare i vostri pareri e le vostre critiche, è richiesto che siano costruttive, è il 10 Maggio 2013. Però suvvia leggere e segnalare qualcosa che magari potrebbe essere migliorato non richiede la lettura di un manuale di 320 pagine, quindi si è ancora largamente in tempo. Solo per farvi capire il costante mutamento di questo manuale dal 2005, anno di creazione di questo regolamento il manuale base che si può scaricare oggi è la versione 11.09!

La mail a cui potrete mandare i vostri pareri è la seguente: info@ars-rpg.com, quindi che aspettate?

2. Regolamento

Le regole presentate nel manuale base sono veramente basilari. La creazione del personaggio è prevista con la ripartizione di 100 punti percentuali tra le tre Attitudini basilari che sono:

  • Corpo: per tutte le prove strettamente relative alla forza e alla resistenza e di attacco in mischia;
  • Destrezza: per determinare la sua agilità, precisione e l’attacco dalla distanza
  • Mente: per tutte le azioni in cui è coinvolta la precisione, la comunicazione e i vari campi del sapere.

Una volta deciso le % da attribuire alle Attitudini bisogna decidere cosa il proprio personaggio sa fare. Ogni Arte (le abilità legate all’attitudine per capirci) parte con un valore minimo di 5% e il loro totale non può superare il valore base messo nell’Attitudine. Questo significa che se in Corpo è stato messo 40% la somma delle percentuali messe nelle Arti a essa correlata non può essere superiore a questo valore.

Per determinare se un’azione è riuscita oppure no molto semplicemente si effettua un tiro tenendo conto di:

valore % dell’Attitudine + valore % dell’Arte

 tirando con il dado percentuale si deve stare sotto a questo valore. Molto semplice e di immediato impatto. Il livello di ogni singola Arte può essere aumentato, infatti il Magister può assegnare a ogni fine sessione un valore di 5% da distribuire per incrementare quelle che ha già. Inoltre è possibile anche apprendere nuove arti da altri personaggi basta che quest’ultimi abbiano l’abilità almeno a 40%. Inoltre il manuale base illustra come ogni personaggio all’interno di un round possa fare fino a un massimale di tre azioni, la prima a valore pieno, la seconda con un malus di 10% e la terza di 20%.

Inoltre ogni Arte può essere potenziata nel momento stesso in cui in un lancio si ottiene un 01% che equivale a un Successo Critico. Attenzione però questo incremento è pari a un 5% solo nel caso il valore di quell’arte non sia già superiore al 25%. Invece se in una determinata situazione un giocatore si ritrova a non avere l’Arte necessaria su cui testare e ottiene un 01% può (se li ha ancora da parte) spendere un punteggio di esperienza pari a 10% per mettersi quell’Arte a 5%. A.R.S. prevede inoltre che un’abilità può essere usata in sostituzione con un’altra in campi affini, ma testata usandone solo la metà. Per esempio un pistolero anche se non ha meccanica o artigianato può provare a usare la sua arte di “Usare pistole” per provare a ripararla, ma invece di considerare il valore pieno che ha segnato sulla scheda 40%, ne userà solo il 20%. Infine un risultato di 00% indica un 100 e quindi un risultato sempre e comunque negativo.

3. Conclusione

Il lavoro svolto da Bak dal 2005 è notevole, non tanto per il sistema di gioco di A.R.S., ma quello che è nato attorno a questo gioco di ruolo: ovvero tutta la comunità che si è legata e costituita grazie all’utilizzo di questo regolamento. Quando un’attività come quella del gdr fa nascere progetti come questo è sempre una bella cosa, in quanto vi si creano veramente bei momenti di aggregazione e di sano divertimento. Inoltre il fatto che A.R.S. abbia contribuito a portato e avvicinato gente completamente digiuna di queste attività è già di per se un grande riconoscimento per l’autore a cui va tutto il mio sincero augurio per una proficua continuazione dei loro progetti.

Detto questo, vi consiglio A.R.S. qualora vogliate giocare qualcosa di semplice oppure avete bisogno a una convention di far giocare ragazzi che non hanno mai provato queste attività, soprattutto di demo perché richiede davvero poco tempo per la creazione delle schede e per la gestione del suo regolamento. Fateci sapere le vostre impressioni e ancora una volta mi raccomando partecipate a questa iniziativa di miglioramento!

Buona lettura e arrivederci alla prossima settimana!

A proposito dell'autore

Presidente dell'Associazione Ludica Oltretempo di Castelnuovo Rangone (Mo). A tempo perso gli piace giocare e provare un po' tutti i giochi di ruolo, anche se preferisce quelli italiani. Nel suo passato ha praticato anche un po' di sport quali nuoto, scherma medievale, e ovviamente anche "soffi air"...

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.