La casa editrice che ha presentato alla kermesse di Lucca il gioco di ruolo Brass Age ambientato nella Londra Vittoriana (di cui potete leggere la recensione QUI) non poteva mancare l’appuntamento modenese PLAY! e lo fa in prima battuta con un’avventura inedita scritta ed ideata da Stefano Stradaioli denominata “I Doni di Mabon”.

Sarà il Play di Modena la vetrina delle prossime novità Limana Umanìta che giocatori e lettori stanno aspettando con ansia. La casa editrice marchigiana ha infatti pronte due pubblicazioni che arricchiranno il catalogo ludico e quello di narrativa.

La prima è “I doni di Mabon”, un’intricata avventura investigativa nelle nebbie della vecchia Londra, ideata e scritta da Stefano Stradaioli per il gioco di ruolo Brass Age. Presentato lo scorso novembre al Lucca Comics&Games, con il suo mix di avventura, investigazione, intrigo e spionaggio, Brass Age offre un’esperienza unica nel suo genere, dove i giocatori sono ora agenti operativi, ora vittime dei giochi di potere delle cospirazioni che minacciano di rovesciare l’impero britannico. Ne “I doni di Mabon” i giocatori troveranno un’avventura auto-conclusiva per 4-6 personaggi e una nuova cospirazione che si aggiunge alle undici del manuale base, arricchendo gli intrighi e i giochi d’ombre londinesi con artisti, poeti, letterati pronti a stringere patti con esseri ancestrali per raggiungere i propri scopi. Dalle sfavillanti feste mondane dell’alta società ai fumosi distretti industriali, dai teatri più prestigiosi ai malfamati Docks, i PG reclutati dal Club Diogene sono chiamati a investigare sulle attività della St. James Charity for Art Education, un ente benefico che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’infanzia e dello sfruttamento del lavoro minorile. Ma cosa si cela veramente dietro le loro caritatevoli attività? In Brass Age nulla è mai come sembra.

Limana Umanita non si ferma qui e grazie alla collaborazione con Scriptorama, presenterà Domenica 6 Aprile alle ore 12.00 presso lo spazio “piazza Ringadora”, TIME WARP. Un’antologia derivata dal premio letterario omonimo indetto l’anno scorso a cui hanno partecipato moltissimi scrittori emergenti e dai quali ne sono state 12 opere tra le migliori. Il tema centrale del concorso era “IL TEMPO” in tutte le sua accezioni e finalmente il lavoro di talentuosi nuovi nomi nel panorama letterario avranno il loro giusto spazio.

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.