Cover del manualeSalve a tutti, oggi voglio segnalarvi una vera e propria chicca che ho trovato girovagando per la rete. Dopo averla letta , sono dell’idea che meriti di essere portata alla vostra attenzione. Oggi quindi vi parlerò di Aumyr, un’ambientazione fantasy scritta interamente da Marco Bertolini.

Innanzitutto voglio fare i miei più sinceri complimenti all’autore perché nella stesura di questo manuale d’ambientazione ha eseguito un lavoro veramente ben organizzato e strutturato nel minimo dettaglio. Se già con queste poche parole sono riuscito a far leva sulla vostra curiosità, bhè che dire: potrete trovare anche voi il file .pdf liberamente scaricabile a questo link.

Parto dicendovi che Aumyr potrebbe sembrare a prima vista un nuovo gioco di ruolo fantasy, ma in realtà Marco ha fatto un lavoro si sorprendente, ma anche piuttosto atipico, per chi come me è abituato a vedere statistiche e numeri in questo tipo di opere! Di cosa parlo? Bhè in tutto il manuale non c’è una sola caratteristica, una sola CD (Classe di difficoltà), un solo valore  numerico!

Ciò potrebbe essere sia un gran pregio, mentre per alcuni (coloro che sono abituati solamente al lato numerico presentato nei supplementi e nelle ambientazioni) il più grande difetto per quest’opera. Io appartengo alla prima schiera di pensiero e quando mi sono letto le oltre 175 pagine di questo libro sono rimasto piacevolmente colpito.

Cosa c’è qui dentro quindi se manca ogni tipo di statistiche? Bhè se volete un arida sequenza di numeri vi riporto direttamente l’elenco delle specifiche (mi sembra di parlare dei requisiti di sistema di un videogioco…) che lo stesso autore ha scritto elencando le peculiarità di questa ambientazione:

16 Regioni;
18 Capitali;
60+ Città;
200+ Luoghi;
10 Rovine Antiche / Dungeon;
Centinaia di idee per Avventure e Campagne. 

Ci tengo però a precisare che Aumyr non è solamente queste cifre, infatti sfogliando e leggendo il manuale mi sono imbattuto in un mondo vivo, descritto sapientemente e ho potuto intuire come, probabilmente, alcuni (forse anche tutti, ma non lo posso sapere) fatti storici riportati siano accaduti al tavolo di gioco di Marco. Alcuni fatti erano talmente descritti bene che mi sono immaginato le scene che sono Disegno del manualesuccesse attorno al tavolo da gioco. Non sarebbe la prima volta che da una serie di avventure nascono manuali come questo: il più famoso che io conosca è appunto Dragonlace!

Questo libro si può leggere, quindi, sia con lo scopo di farci giocare il proprio gruppo oppure leggerlo per trarne spunti per le proprie avventure. L’assenza di qualsiasi statistica poi vi permette di inserire eventuali png che hanno colpito la vostra fantasia all’interno anche del vostro mondo. Questo stesso manuale poi può essere giocato con qualsiasi regolamento d20, un qualsiasi O.S.R. (manuali di gdr che si rifanno alla vecchia scuola come D&D scatola rossa, Il Signore dei Labirinti o Dungeonslayers) oppure a giochi come Dungeon World che non ha un setting suo di base.

Passo ora a illustrarvi Aumyr da un punto di vista più tecnico. si presenta con un ottimo ed eccellente uso della parola: l’autore è riuscito a catturarmi sin dal primo paragrafo, la scrittura è lineare ed estremamente suggestiva. Saranno anche 175 pagine, ma vuoi il comporto grafico che vede disegni molto suggestivi, ambienti ritratti con spazi molto ampi e infine il testo diviso su due colonne! Il tutto concorre a dare all’impaginazione generale del volume un’ottima distribuzione del testo che non affatica per nulla la vista e che rende la lettura estremamente gradevole.

Non pensate però che sia finito qui. Mi permetto di scriverlo perché il mondo esposto in queste pagine è comprensivo di una cronologia in cui vengono riassunti i principali eventi che riguardano questo mondo, tutta la mitologia e un occhio anche alle attuali sette divinità di cui 5 sono quelle più importanti i primi ad aver calcato il suolo del nuovo mondo. Molto importanti poi per decidere come adattare il regolamento del vostro gdr a questa ambientazione i capitoli inerenti ai sacerdoti e ai maghi di questo mondo, anche questi spiegati e illustrati in modo molto esauriente.

Date un’occhio anche al capitolo interamente dedicato al multiverso di Aumyr, lo potrete trovare a pagina 111 ed è una delle spiegazioni più leggere, ma al tempo stesso interessanti che mi siano capitate sotto agli occhi dopo almeno un paio di anni che leggo e gioco di ruolo. Infatti non è il solito planisfero, ma una fitta rete che mi ricorda (non so perché… sarà la vecchiaia) uno schema visto nei libri di alchimia dei secoli scorsi. Cosa che ovviamente ha aumentato per quanto mi riguarda il valore di questo volume.

II disegno del manuale

 

In definitiva, completa il quadro dell’opera i vari spunti per giocare avventure all’interno di questa splendida ambientazione. Il vero pezzo forte che Marco ha tenuto per ultimo, chissà forse per invogliare maggiormente i lettori e i potenziali giocatori e master. Ammetto che Aumyr è veramente un prodotto ben fatto, che potrebbe essere tranquillamente visto su uno scaffale di un negozio! Non scherzo, anche perché reputo questo manuale interessante ed estremamente utile. Purtroppo sempre più spesso i Master invecchiando non hanno più il tempo e la voglia di mettersi a ideare storie, luoghi e png, quindi trovare prodotti di questo livello è sempre piacevole. Ovviamente il fatto che non ci sia una sola statistica a mio giudizio permette di personalizzare al meglio regolamento e lato più tecnico al tavolo da gioco.

Se non l’avete ancora letto vi consiglio di farlo quanto prima. Complimenti ancora all’autore e che dire: noi ci rivediamo la settimana prossima e buon week end ludico!

A proposito dell'autore

Presidente dell'Associazione Ludica Oltretempo di Castelnuovo Rangone (Mo). A tempo perso gli piace giocare e provare un po' tutti i giochi di ruolo, anche se preferisce quelli italiani. Nel suo passato ha praticato anche un po' di sport quali nuoto, scherma medievale, e ovviamente anche "soffi air"...

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.