Il crowdfunding della Cubicle 7 su Kickstarter, di cui avevamo scritto qualche settimana fa, ha raggiunto gli obiettivi.  Lupo Solitario, protagonista di una serie di librogame che ha venduto più di dieci milioni di copie in tutto il mondo, senza contare videogiochi e romanzi, avrà quindi una nuova trasposizione ludica.

I risultati della raccolta fondi sono ottimi: il traguardo iniziale di quindicimila dollari è stato raggiunto e più che doppiato, e mancano ancora parecchi giorni alla conclusione del kickstarter, che avverrà il 16 settempre. Joe Dever, il creatore della fortunata saga, ne dà entusiasta la notizia sulla propria pagina Facebook.   Lascia perplessi il basso numero di sostenitori -poco meno di quattrocento-, ma è indubbio che si possa considerare un successo.

 

https://www.kickstarter.com/projects/461807648/joe-devers-lone-wolf-the-lone-wolf-adventure-game/widget/video.html

 

traguardi crowdfunding Lone Wolf

I traguardi raggiunti al 5 settembre

 

Nel frattempo la Cubicle 7 ha lasciato trapelare altre anticipazioni sul futuro “adventure game“. A giudicare dal materiale che sarà presentato nel box ci sono ormai ben pochi dubbi che si tratterà di un gioco di ruolo e non di un gioco da tavolo, come si poteva sospettare all’inizio.  Dominic McDowall, fautore del kickstarter, scrive così:

Il futuro contenuto della scatola base: tanti fascicoli e nessuna miniatura.

We are developing the Adventure Game to be playable straight out of the box by young people new to tabletop gaming. The players will learn the basic rules through a game they all take part in, getting everyone into the action within minutes of opening the box.

(Stiamo sviluppando il gioco d’avventura in modo che sia giocabile appena aperta la scatola da giovani nuovi ai giochi attorno a un tavolo. I giocatori impareranno le regole base attraverso un gioco a cui tutti prenderanno parte, gettando ognuno nell’azione dopo pochi minuti dall’apertura)

 

In pratica sta rassicurando che sarà un gioco pensato per i neofiti, con regole  semplici e immediate, in linea con un periodo in cui i regolamenti complessi non incontrano il successo del pubblico.  Non manca comunque di promettere sorprese per i giocatori più esperti e la possibilità di personalizzare il gioco a proprio piacere.

 

A differenza del primo GdR di Lupo Solitario, edito nel 2005 da Editori Folli, pare che sarà possibile avere solo personaggi Kai Lord (Cavalieri Ramas). In compenso la Cubicle 7 pone grande enfasi sulla libertà d’azione concessa dal gioco, ribadendo che sarà possibile esplorare il mondo del Magnamund in lungo e in largo.

 

Sembra proprio che l’intento della Cubicle 7 sia proporre un GdR che possa attirare nuovi giocatori, dai vecchi fan di Lupo Solitario a utenti più giovani. La casa produttrice non è nuova ai giochi di ruolo, come dimostra L’Unico Anello, e l’ottimo lavoro svolto con quest’ultimo è una buona credenziale. Pare comunque che il loro prossimo prodotto sarà indirizzato a un target più vasto, il che è solo un bene.

Del resto il gioco di ruolo è sempre stato un elemento in cui i Ramas e il mondo del Magnamund si sono sempre trovati molto bene, essendo nati proprio nelle partite a D&D di Joe Dever.

Si può ben sperare che possa godere di un’edizione italiana. Le premesse del gioco sembrano finora buone, ma, soprattutto, il pubblico a cui si può rivolgere nello Stivale è vastissimo. Lupo Solitario è ancora amatissimo dal pubblico nostrano, come dimostrano le innumerevoli ristampe dei librogame e i fan attirati da Joe Dever quando visita Lucca Games. Un gioco di ruolo pensato per i neofiti potrebbe avere qui in Italia un successo strepitoso.

Questo se tutte le promesse verranno mantenute, ovviamente…

Lone Wolf Adventure Game: Lupo Solitario tornerà a essere un GdR
74%Punteggio totale
Voti lettori: (4 Voti)
74%

A proposito dell'autore

Lavos-D è un illithid colmo di bontà e di dolcezza, che distilla interamente nei suoi favolosi dolci: per questo non gliene resta più quando scrive i suoi acidissimi articoli. Il suo motto è provare qualsiasi gioco esistente, sennò non lo si può criticare. Quando il suo eterno ruolo di master gli lascia tempo libero lavora a GdRITalia in veste plurima di pasticciere ufficiale, redattore, editor, (re)censore, traduttore in seconda e spalla comica a tempo perso. Da quando si è autoproclamato sommo sacerdote del Grande Cthulhu si è montato la testa e non ci si ragiona più.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.