Oggetto: SCP-217

Classe Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: L’area di contenimento deve essere sigillata mediante una doppia serratura a tenuta stagna a pressione invertita. Tutto il personale destinato ad entrare nell’aria di contenimento deve obbligatoriamente sottoporsi ad una doccia chimica di sterilizzazione, indossare una tuta bio-chimica protettiva completa con camera atmosferica incorporata ed essere mantenuto in quarantena per 24 ore al termine dell’interazione, oltre ad essere sottoposto a tutti i test necessari. In caso di infrazione dell’area di contenimento, le porte a tenuta stagna dell’area di ricerca verranno immediatamente sigillate e l’agente chimico ZEER-217-11 verrà rilasciato attraverso i condotti d’aerazione.
Qualunque essere umano esposto ad SCP-217 deve essere isolato e tenuto sotto osservazione. Qualsiasi oggetto toccato da chiunque abbia preso contatto con SCP-217 dovrà essere sterilizzato.

Fotografia di un cervo in uno stadio avanzato dell’infezione.

Descrizione: SCP-217 è un virus con una percentuale d’infettività pari al 100%, per il quale non esiste attualmente alcuna cura. È in grado d’infettare qualsiasi organismo del regno Animale e può essere diffuso mediante semplice contatto o tramite i fluidi corporei. SCP-217 è molto resistente ed è in grado di sopravvivere per anni anche all’esterno di un organismo ospitante. L’infezione progredisce molto lentamente, alcuni soggetti vivono ignari per anni interi prima di manifestare qualunque sintomo.
SCP-217 altera la struttura biochimica dei tessuti, facendo in modo che la materia organica si riorganizzi sotto forma di “metallo organico”. I processi coinvolti in questo cambiamento non sono stati ancora compresi nel dettaglio, tuttavia gli stadi avanzati dell’infezione sono stati esaurientemente documentati. Ciascun soggetto inizierà a trasformarsi lentamente in un complesso agglomerato di ingranaggi e congegni, in modo da rimpiazzare le funzioni biologiche preesistenti. I soggetti riferiscono che, agli stadi più avanzati, l’infezione risulta molto dolorosa, mentre gli stadi iniziali sono pressoché asintomatici e vengono molte volte ignorati, manifestandosi con un vago senso di confusione mentale, insonnia e rigidità articolare. I cuori vengono rimpiazzati da ingranaggi e piccole tubature, le articolazioni da congegni interconnessi, gli occhi da strutture analoghe alle prime video camere azionate a manovella, ecc.
SCP-217 si manifesta come prima cosa sulla superficie esteriore del corpo in tutte le creature ad eccezione dei mammiferi. Nei mammiferi, prima di tutto converte la struttura interna prima di mostrare segni visibili all’esterno. Per questo motivo, tali soggetti possono vivere per lunghi periodi senza sapere di essere stati infettati. In alcuni casi, SCP-217 ha convertito interamente l’interno dell’organismo ospitante prima di mostrare qualunque segno visibile esterno. SCP-217 ha infettato alcune aree metropolitane maggiori in passato, in particolare va ricordata ████████████.
Le facoltà mentali dei soggetti durante gli stadi intermedi e avanzati dell’infezione si sono mostrate sensibilmente diminuite. I soggetti rispondono in maniera automatica e ripetitiva, compiono movimenti meccanici e goffi, vengono distratti e tendono a confondersi con facilità, sembrano in genere irritabili quando si trovano di fronte a nuovi problemi. In aggiunta, la ricerca effettuata su un cervello interamente “convertito” ha mostrato che [DATO CANCELLATO]

“SCP-217 può contagiare qualsiasi forma di vita organica.”

Documento #217-6: Annotazioni sulla sintomatologia
Durante i primi stadi, i soggetti infettati da SCP-217 non hanno segnalato sintomi maggiori, ad eccezione di un incremento della letargia ed una generale carenza di risposte emotive. Alcuni riferiscono una sensazione di “movimento” o “fluttuazione” percepiti subito al di sotto della superficie cutanea, accompagnati da una sorta di lieve “ticchettio” persistente. Questo rumore tende ad evidenziarsi maggiormente quando SCP-217 arriva ad infettare le spalle, il collo e la testa; risulta tuttavia udibile anche quando apposite apparecchiature di registrazione vengono applicate ad una qualsiasi area infetta.
Come affermato in precedenza, l’iniziale infezione da parte di SCP-217 è quasi impercettibile con qualsiasi strumento utilizzabile. Durante la progressione, i soggetti cominceranno a percepire un dolore pungente e “lacerante” in corrispondenza delle aree che vengono convertite. La sensazione è stata paragonata ad una ferita di coltello o ad un profondo strappo muscolare e può durare per ore o giorni interi, a seconda del soggetto e dell’area coinvolta. I nuovi organi sotto forma di ingranaggi e congegni cominceranno a comparire lacerando i tessuti in breve tempo, fino a diventare completamente integrati adattando i tessuti circostanti, si ritiene che questo processo sia la causa che determina il dolore riferito.

Le aree infettate sembrano essere di metallo, principalmente ottone, acciaio e ferro. È stata riferita la comparsa anche di altri materiali simili a cuoio, gomma, vetro, legno e altri materiali semplici. Nonostante le apparenze, si tratta di materiale puramente organico, addirittura contenente il DNA del soggetto. Organi e tessuti infetti sembrano più resistenti del normale e possiedono la stessa forza e densità dei materiali cui somigliano, invece della normale densità dei tessuti originari. Le aree danneggiate a causa di fattori esogeni si rigenerano e riparano con il tempo ma molto più lentamente rispetto allo standard umano.
Le aree danneggiate possono essere “riparate” istantaneamente rimpiazzandole con campioni dello stesso tipo. I test hanno mostrato che non vi è alcun effetto nocivo né rigetto se parti composte da materiali normali (acciaio, legno, cuoio) vengono usate per rimpiazzare i congegni bio-meccanici presenti sui soggetti.
Il fatto più allarmante è che le persone infettate da SCP-217 possono vivere tranquillamente per mesi, persino anni, senza poter essere individuate. Data la facilità con cui l’infezione si propaga, centinaia di soggetti potrebbero essere infettati prima di poterli isolare all’interno di aree di contenimento appropriate. L’infezione sembra propagarsi ancora più rapidamente all’interno degli uffici affollati, dei centri commerciali e di luoghi simili ad alta concentrazione di persone.
Nota: A qualunque entità anche solo sospettata di essere stata infettata da SCP-217, NON deve essere permesso di avvicinarsi ad SCP-882.
Appendice: A tutt’oggi, la sperimentazione incrociata tra SCP-229 e SCP-217 è permessa esclusivamente con l’approvazione da parte di O5.

Riproduzione del presunto “paziente zero” di SCP-217.

Ipotesi sull’origine: Il primo contatto documentato con SCP-217 risale al 1941 in Egitto, in occasione del ritrovamento, da parte di un saccheggiatore di tombe, di un antico manufatto rassomigliante uno scarabeo meccanico. L’uomo, un certo [DATO CANCELLATO], iniziò dopo pochi giorni a subire i primi sintomi del virus. Movimenti sottocutanei, intorpidimento e un dolore pungente in alcune parti del corpo. Chiese un responso medico, il quale gli rivelò di non avere assolutamente idea del tipo di infezione. Il medico stesso decise per disperazione di rivolgersi alle autorità mediche presenti nella vicina base nazista di [DATO CANCELLATO] le quali, essendo alla ricerca per conto del Fuhrer di manufatti dai poteri inspiegabili, iniziarono a studiare la sintomatologia e l’evoluzione di questa malattia. Dopo essere stati testimoni dei cambiamenti nella biologia dell’uomo, misero lo studio nelle mani del dottor [DATO CANCELLATO] a creazione di un’arma risolutiva in favore del Reich che avrebbe portato il grande impero ariano alla vittoria. Apparentemente questo progetto fallì, ma alcuni hanno ipotizzato un collegamento tra SCP-217 e SCP-914. Le ipotesi a favore di queste congetture non sono tuttavia state comprovate, poiché la documentazione del dottor [DATO CANCELLATO] non è mai stata rinvenuta e il personale di recupero di SCP-914 risulta [DATO CANCELLATO].

Sorgente: SCP-217

A proposito dell'autore

L'autore si diletta in risate malvagie e nella costruzione di robot a partire da giocattoli e caramelle, con lo scopo di conquistare la città e indossare un lungo mantello nero con un nome minaccioso.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.