A svariati mesi di distanza dal primo annuncio, non era più trapelata nessuna notizia sul “matrimonio dell’anno” tra Dungeons&Dragons e l’ambientazione della Terra di Mezzo. Oggi la Cubicle7 pubblica sul suo sito tutte le anticipazioni e l’attesa copertina di Adventures in Middle-Earth – Player’s Guide, il primo prodotto ufficiale per giocare nel mondo di J.R.R.Tolkien con l’Open Game License del gioco di ruolo più famoso del mondo.

 

Primo volume della serie: mettiamo le mani avanti.

Primo volume della serie: mettiamo le mani avanti.

The Story So Far…

Piedi pelosi, amanti della buona cucina, pantofolai, fumatori... non sono hobbit, sono halfling!

Halfling diversissimi dagli hobbit, eh?

Piccolo riassunto: la casa editrice Cubicle7, già celebre per L’Unico Anello e per Lupo Solitario: Il Gioco di Ruolo, qualche mese fa aveva annunciato la sua volontà di sfruttare l’OGL della quinta edizione di Dungeons&Dragons per produrre supplementi dedicati alla Terra di Mezzo. Ovvero: per la prima volta in quarantadue anni di storia del gioco di ruolo, D&D avrebbe incontrato il mondo di Tolkien.

Matrimonio tutt’altro che facile. Ciò suona paradossale, considerando quanto D&D (e, per traslato, buona parte del fantasy moderno) sia dichiaratamente debitore all’ambientazione tolkieniana: basti pensare a elfi, nani e hobbit-OPS! halfling, che nelle prime edizioni erano pigri, golosi e giravano con i peli sui piedi al vento. Ma le atmosfere heroic fantasy e le magie appariscenti sono quanto di più lontano ci sia dai toni e dall’epica della saga de Il Signore degli Anelli. Da quel poco che gli sviluppatori hanno lasciato trapelare, però,  Adventures in Middle-Earth sembra più che promettente.

 

Adattamento dell’Opera

La prima cosa che salta all’occhio è l’evidente influsso de L’Unico Anello, prodotto di punta della Cubicle7. Nel gioco sarà presente la Fase della Compagnia: una novità per il sistema di D&D già più che collaudata nel precedente GdR sulla Terra di Mezzo, che “dà ai giocatori la possibilità di descrivere di propria iniziativa le azioni dei propri personaggi tra un’avventura e sviluppare la loro storia”. In soldoni: molto più controllo dei giocatori sull’andamento della storia tra un’avventura e l’altra.

Altra aggiunta degna di nota al sistema di D&D5 è la Corruzione: una meccanica volta a rendere in gioco lo strisciante influsso dell’Ombra sulla psiche degli aspiranti eroi. Finora non è sicuro se le meccaniche saranno esattamente le stesse de L’Unico Anello: di certo è un lodevole punto a favore per riprendere le atmosfere della saga, certo più consono dell’asse Bene/Male/Legge/Caos degli allineamenti di D&D.

 

Contenuti

La Cubicle7 ha pubblicato un entusiastico elenco di tutto ciò che conterrà Adventures in Middle-Earth:

• 11 Culture giocabili della Terra di Mezzo
• 6 nuove Classi esclusive (in aggiunta a quelle di D&D5?)
• 13 nuovi Background appositi per la Terra di Mezzo
• armi e armature appropriate per la Terra di Mezzo
• Esclusive regole per il Viaggio
• Nuove regole per la Corruzione
• Nuove regole per l’Audience
• La Fase della Compagnia
• Cartine della Terra di Mezzo (in II e III di copertina) per Giocatori e Maestri del Sapere

Da quest’elenco si può pensare a una conversione de L’Unico Anello per la quinta edizione di D&D, indubbiamente arricchito con meccaniche apposite per ricreare le acclamate atmosfere del primo gioco. Qualche punto oscuro: non è chiaro come verrà trattata la magia, una parte importante di Dungeons&Dragons, e il sistema di gestione di quest’ultima è storicamente molto difficile da adattare alla magia della Terra di Mezzo. Inoltre, prevedibilmente, parte del materiale di gioco di D&D non sarà utilizzabile, ma non è ancora specificato quale (suggerimento: possiamo scordarci i chierici!)

Dai toni la Cubicle7 non ha dubbi che sarà un successone.

Dai toni la Cubicle7 non ha dubbi che sarà un successone.

Le Cose in Grande

Il preordini per Adventures in the Middle-Earth sarà disponibile tra circa un mese. Sembra che la Cubicle7 si aspetti un grande successo, e in quest’occasione cambierà la propria politica di rilascio dei PDF dopo l’esaurimento delle copie cartacee.

Lecito aspettarsi un successo: per molti vecchi giocatori questo è un sogno che diventa realtà, come anche per molti appassionati della saga di Tolkien, che, dopo l’uscita dei film, sono diventati una moltitudine.

Noi vi terremo aggiornati!

D&D e Tolkien: Ora è una Realtà
72%Punteggio totale
Voti lettori: (24 Voti)
72%

Commenta tramite Facebook

A proposito dell'autore

Lavos-D

Lavos-D è un illithid colmo di bontà e di dolcezza, che distilla interamente nei suoi favolosi dolci: per questo non gliene resta più quando scrive i suoi acidissimi articoli. Il suo motto è provare qualsiasi gioco esistente, sennò non lo si può criticare. Quando il suo eterno ruolo di master gli lascia tempo libero lavora a GdRITalia in veste plurima di pasticciere ufficiale, redattore, editor, (re)censore, traduttore in seconda e spalla comica a tempo perso. Da quando si è autoproclamato sommo sacerdote del Grande Cthulhu si è montato la testa e non ci si ragiona più.

Post correlati

2 Risposte

    • Lavos-D
      Lavos-D

      Noi speriamo sempre, ma per ora la WotC resta sorda alle suppliche dei non anglofoni.

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata