unnamedL’annuncio dell’uscita di Freak Control ha colto alla sprovvista tutta la redazione, non è solo un nuovo gioco ambientato nell’universo del bellissimo Fenomena ma è anche una nuova ambientazionetutta italiana per Savage Worlds .
Abbiamo colto l’occasione ed abbiamo subito contattato Danilo Moretti per chiedergli di rilasciarci un intervista.
Al Play oltretutto siamo riusciti a fare una demo in anteprima, è un gioco ancora in costruzione, quindi non affretto giudizi, ma ho visto tutta la tamarraggine degli anni ’80 e delle sue improbabili serie tv, condensate in un unico gioco… direi obiettivo raggiunto.

Ecco a voi l’intervista:

  • Freak Control è arrivato praticamente inaspettato, nessun rumor prima dell’annuncio, quindi la prima domanda è la più ovvia: facciamo finta che nessuno di noi abbia mai giocato a Fenomena… quali anticipazioni ci puoi dare sull’ambientazione?

    • La prova costumi è durata più del previsto… Comunque, per i pochi che non hanno mai giocato a Fenomena possiamo solo dire che si tratta di un setting alquanto dinamico e bizzarro. Innumerevoli realtà alternative si dipanano dalla nostra, alcune quasi identiche all’originale altre incredibilmente diverse, in questo delicato equilibrio (lo Spectrum) qualcosa è andato storto, si è verificato un sisma metafisico che ha scatenato una reazione a catena che sta scombussolando tutto il delicato ingranaggio. Questo processo trascinerà il multiverso verso l’Omega, un totale cambio di paradigma i cui connotati sono perlopiù indefiniti. A scongiurare questa minaccia operano gli Emissari de La Struttura un’organizzazione/entità/forza mistica/whatever/chilosà volta a scongiurare o almeno rallentare l’incedere dell’Omega. Mescolate Donnie Darko, Quantum Leap, Twin Peaks, Flashforward, The Lost Room aggiungete uno spruzzo di Zaffiro e Acciaio e avere un’idea (confusa) dello “stile”. Se volete farvi un’idea delle svariate ispirazioni alla base di Fenomena potete cliccare qui   (buona fortuna).

  • Come è nato Freak Control?

    • Coincidenze. Nell’ultimo anno Danilo Moretti ha avuto la possibilità di provare il sistema di Savage Worlds in una campagna (home made) ispirata al mondo di Gea (fumetto cult di Luca Enoch) ideata da Maria Mello Rella (fan storica del sistema e del setting Deadlands) poi, qualche mese dopo, sempre Danilo ha finito con lavorare sull’impaginazione sui volumi di Deadlands in uscita per Lucca. Ai segni del destino bisogna dare retta… così abbiamo proposto all’editore un progetto un po’ folle, c’è stata una lunga discussione e abbiamo ricevuto feedback utili (ma anche molta libertà d’azione) e voilà il progetto Freak Control è partito. Poi come spesso accade un po’ per scaramanzia un po’ perché si è sempre troppo presi si è aspettato a spifferare ai quattro venti la notizia.

  • Chi altro ci lavora? Quali sono i vostri bg?

    • I co-autori sono Maria Mello Rella e Stefano Cestari (già collaboratori di Inspired Device e pesantemente coinvolti nel playtest in-house di Super Adventures). Entrambi hanno una profonda conoscenza del sistema Savage Worlds, un acuto spirito analitico e esperienza ludica ventennale. F•FC è il loro primo impegno nell’ambito del game design ma da qualche parte si deve pure iniziare.

  • Come sono divisi i ruoli nello sviluppo del gioco?

    • Sulla carta Danilo si occupa di rimodulare il setting originale di Fenomena per renderlo adatto stile Savage Worlds e alle specifiche di Freak Control mentre Maria e Stefano si cimentano sul comparto tecnico (SW ha meccaniche dettagliate e il rischio di fare pasticci è sempre in agguato), nella pratica invece è un continuo influenzarsi a vicenda, il setting influenza le meccaniche suggerendo nuove possibilità e di ritorno le meccaniche possono richiedere di porre maggiore attenzione su aspetti di ambientazione fino a quel punto trascurati. Insomma un discreto caos ma anche una efficiente macchina da guerra.

  • In cosa si discosta da Fenomena? Possiamo aspettarci un cambio di prospettive rispetto ai temi in cui i personaggi venivano coinvolti?

    • Prendete Fenomena, giratelo di fianco finche la “F” e la “A” non coincidono con l’orizzonte degli eventi e bam! Una Anomalia Bianca vi trascinerà nello Spectrum fino ai fluorescenti anni ’80. Freak Control (in breve F•FC) prende il setting di Fenomena e lo reinterpreta in quello che potrebbe essere definito un retro-reboot, i concetti essenziali, il setting e le convenzioni di Fenomena ci sono tutti ma i personaggi sono agenti di una fondazione che investiga su fatti assurdi e rintraccia i Freak, individui in possesso di Thaumata, poteri paranormali fuori controllo.

  • In che modo si “attacca” ad altri setting come Deadlands, Necessary Evil, ecc? è una meta-ambientazione simile a quello che fece Asterion con Nephandum o qualcosa di diverso?

    • Integrare F•FC in Savage Worlds è stato facilissimo, il meta-setting di Fenomena è lo strumento adatto per il Game Master di SW per far viaggiare tra dimensioni parallele i PG, così d’un tratto il Weird West di Deadlands o la terra invasa dagli alieni di Necessary Evil offrono scenari pronti per l’uso. Non vi interessa viaggiare tra le dimension? Poco male potete tranquillamente “rubare” pezzi di regolamento dalle altre ambientazioni e adattarli a F•FC!

  • Qualche anticipazione sulla grafica… il formato sarà quello degli altri mondi selvaggi? Chi sono i disegnatori? Ma soprattutto… avremo le valigette?

    • Il formato sarà quello standard (l’editore insiste nel farci una versione deluxe con copertina in metallo ma noi siamo per l’understatement), per i disegni affianchiamo a Danilo Moretti un trio di giovani artisti: Virginia Chiabotti, Zeno Colangelo e Jacopo Tagliasacchi, tutti diplomati alla sede di Torino della Scuola Internazionale di Comics. Per la valigetta non è dato sapere, ma qualcosa ci inventeremo.

  • Passiamo al sistema di gioco, in che cosa si discosta Freak Control dal regolamento base di SW? Avete aggiunto regole al già ampio ventaglio presente su Savage Worlds Deluxe?

    • Cerchiamo di aggiungere solo se davvero serve, mantenendo un equilibrio salutare tra crunch e fluff. Di sicuro saranno ridefiniti gli usi di alcune convenzioni (ad esempio come si comportano i Benny) per rendere al meglio alcuni aspetti peculiari di F•FC (ad esempio l’influenza di Distopia e il rischio che a lungo andare un PG diventi un Freak).

  • Savage Worlds ha come punto di forza il fatto di permettere di giocare scene d’azione con facilità… fast, furious and fun, appunto, possiamo aspettarci questo stile anche da Freak Control?

    • Assolutamente sì, una delle principali differenze di F•FC sta proprio nell’offrire uno stile di gioco improntato all’azione e (all’apparenza) un briciolo più scanzonato di Fenomena (è difficile prendere sul serio la fine del mondo negli anni ‘80).

  • A che fase di sviluppo siete arrivati? Per quando è prevista l’uscita dell’ambientazione?

    • Se tutto procede con i piani F•FC uscirà a Lucca Comics & Games 2014, al momento stiamo testando le meccaniche modificate o introdotte ex novo (i vantaggi di poter fare affidamento ad un regolamento già esistente si vedono), Play 2014 e Torino Comics ci offriranno le prime opportunità per aprire i test al pubblico.

  • Sono previsti altri spin off di Fenomena per altri sistemi di gioco oltre a Savage Worlds?

    • Nell’aria ci sono vari progetti, prima dell’estate dovrebbe uscire Parasomnia il Vol. 4 di Fenomena (è in ritardo di sei mesi e quindi siamo tranquilli), poi ci saranno altri spin-off targati Fenomena, il primo a vedere la luce è un mini gioco di narrazione e deduzione intitolato Fenomena • Circolo Vizioso (ad opera di Davide Quatrini) descritto dall’autore come un menage-a-trois tra Numerino, Gumshoe e Fenomena (chi collabora con Inspired Device in quanto a stranezze batte tutti) il secondo dovrebbe essere legato a un altro famoso e recentemente premiato sistema di gioco generico, ma il progetto non vedrà la luce prima del 2015 quindi è prematuro parlarne ora, diciamo solo che come F•FC sarà un gioco stand-alone non un hack o un semplice porting.

 

Cliccando qua potrete leggere l’annuncio dell’editore

A proposito dell'autore

Lettori, aiutatemi. La redazione che dovrei coordinare, da oltre 10 anni mi tiene in ostaggio! Mi fa scherzi cattivi, sono vittima di bullismo e vengo preso a pizze quotidianamente! Non so a chi altro rivolgermi! Aiutatemi!

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata