Risveglio2014_03L’anno scorso in questo periodo noi di Mondo Larp avevamo dedicato un articolo a Il Risveglio degli Etruschi, l’evento organizzato annualmente a Fabriano (AN) da Luigi Sbaffi che propone un’inedita commistione di larp e rievocazione storica. Dalla pubblicazione di quell’articolo molte cose sono accadute: Luigi si è interessato al mondo del larp italiano, ha partecipato (in perfetta tenuta da sacerdote etrusco) alla quarta edizione del Larp Symposium, e il suo intervento ha immancabilmente acceso l’interesse di Lorenzo Giannotti e Vittorio Colarossi, le vulcaniche menti dietro a Cronosfera, l'”agenzia di viaggi nel tempo” di cui abbiamo già parlato più di un anno fa in un altro articolo.

Risveglio2014_02E così, per l’edizione di quest’anno (tenutasi dal 23 al 25 maggio) Cronosfera si è affiancata a Luigi nell’organizzazione di Risveglio, con il compito di sviluppare e approfondire l’aspetto di role-playing dell’evento. Inutile dire che questo ha reso Risveglio un evento ancora più attraente per i larper italiani, che infatti hanno partecipato in buon numero; e questa è un po’ una novità, perché in precedenza i partecipanti di Risveglio provenivano quasi esclusivamente dal bacino di aficionados della Cocon (altro evento organizzato da Luigi Sbaffi), dal mondo del reenactment… e dalle loro famiglie (infatti Risveglio, che a differenza della Cocon non dà grande enfasi al combattimento, è probabilmente l’evento larp italiano con la più alta percentuale di partecipanti bambini). Oltre a incentivare il role-playing con schede personaggio più ricche di spunti di gioco e plot molto più numerosi e coinvolgenti, l’edizione di quest’anno di Risveglio ha  sviluppato alcuni aspetti del mondo etrusco finora rimasti un po’ in ombra: uno su tutti, la “società nella società” rappresentata dagli schiavi.

Risveglio2014_04Insomma un’altra scommessa vinta dall’infaticabile Luigi Sbaffi e da quei matti di Cronosfera, e siamo felici che la nostra rubrica (e naturalmente il Larp Symposium) abbiano fatto in qualche modo da sensali per questo inedito “matrimonio”. D’altronde nei quasi due anni di vita di Mondo Larp si sono verificati diversi casi analoghi, il che dimostra che il nostro obiettivo di mettere in contatto le tante isole in cui è diviso il mondo del larp italiano è stato almeno in parte raggiunto. Con oggi si conclude la mia avventura alla guida di questa rubrica: il mio augurio per chi prenderà il mio posto è di proseguire su questa strada e di consolidare il ruolo di Mondo Larp come specchio della realtà italiana dei giochi di ruolo dal vivo e come “giornale” in cui la nostra comunità “legge sé stessa”, tenendo sempre presenti i princìpi fondativi della rubrica espressi nel primo dei 93 articoli pubblicati fino a oggi. Lunga vita a Mondo Larp dunque, e grazie a tutti per l’affetto con cui ci avete seguito e con cui sono certo che continuerete a seguirci!

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.