Il mio nome completo è Francis Gregory Stafford.
Sono un Giocatore.
Non di giochi da computer: di giochi veri, quelli dove ti siedi a un tavolo per giocare con persone reali sedute intorno a te, che puoi vedere, udire e magari tirar loro addosso mezzo biscotto, e li becchi pure perché, be’, sono lì. Gioco da tutta la vita.

Così si presentava Greg Stafford (1948-2018) nel suo blog, The Stafford Codex. Una semplice presentazione per una delle più influenti figure del gioco di ruolo mondiale, scomparso l’11 ottobre 2018.  A dare l’annuncio è la pagina della Chaosium Inc., la casa editrice da lui fondata oltre quarant’anni fa, che piange “Il Grande Sciamano dei Giochi”.

Anche i grandi sul mercato hanno cominciato dal basso.

Benché (ingiustamente) non sia famoso come Gary Gygax e Dave Arneson, i padri di Dungeons&Dragons, il nome di Stafford è di quelli che hanno fatto la storia del gioco di ruolo. Mai abbastanza apprezzato in Italia, malgrado abbia scritto tra i più influenti giochi a livello di game design.
Fondò la sua storica casa editrice di GdR nel 1975, pochi mesi dopo l’uscita della prima edizione di D&D, ed è stato il cervello dietro ad alcuni dei più importanti titoli mai prodotti.

Colui che ha pubblicato Cthulhu. Fate voi.

Non solo l’editore di Cthulhu: Stafford ha scritto di suo pugno titoli che hanno forgiato il GdR moderno. Creatore di Runequest, tuttora esistente, e di Glorantha, la celebre ambientazione del gioco, sulla quale ha sempre mantenuto i diritti di pubblicazione anche dopo aver lasciato la Chaosium nel 1998.

Forse la sua creatura prediletta.

Non solo Runequest, non solo Glorantha. Negli anni ’80 scrive il gioco di ruolo Ghostbusters (sì, quello basato sul film): un titolo oggi dimenticato, che però getta le basi del gioco di ruolo moderno (pensavate che il “dado del destino” fosse stato inventato da Star Wars d6?).
L’altra sua creatura è viva e acclamata al pari di Runequest. Parliamo di Pendragon, un altro titolo storico di grande portata, ispirato alle leggende del Ciclo Arturiano. Un altro titolo colpevolmente sottovalutato nonostante l’accuratezza storica e un game design come pochi altri.

Un altro caposaldo del game design dimenticato per ignoranza.

Negli ultimi anni Greg Stafford era ritornato alla Chaosium, contribuendo a risollevarla da una situazione difficile, grazie anche all’amico Sandy “Call of Cthulhu” Petersen, che aveva convinto a collaborare nuovamente.

Insomma: gran parte dei GdR giocati al giorno d’oggi devono moltissimo a questo pioniere. Pioniere in più di un senso: come editore, come autore, come game designer, ma anche come uno dei primi americani nel settore GdR a visitare l’Europa e i giocatori che iniziavano a diffondersi anche là. Anche se sembra destino che i suoi giochi non ricevano dal pubblico europeo la fama che meritano: di certo non in Italia, benché Stafford abbia visitato anche la nostra penisola.

Quasi dieci anni fa, GdRItalia aveva intervistato il “grande sciamano dei giochi”, in un’epoca non facile per il gioco di ruolo.

Ma aveva di che essere lieto.

Potremmo ricordarlo come il creatore di Chaosium, come un game designer, come uno scrittore, come una pietra miliare nella storia del gioco o come un genio di cui si è sempre parlato troppo poco. Ma il modo migliore per salutarlo è attraverso le sue stesse parole:

 

Giocare di ruolo è un mezzo che ha l’umanità per interagire con la parte più profonda e mitologica di noi stessi. Sono un mezzo per nutrire la nostra anima.
(Greg Stafford)

 

Oggi diamo l’ultimo saluto a un giocatore.

Grazie di tutto.

Se ne Va Greg Stafford, il Cuore di Chaosium
95%Punteggio totale
Voti lettori: (12 Voti)
95%

A proposito dell'autore

Lavos-D è un illithid colmo di bontà e di dolcezza, che distilla interamente nei suoi favolosi dolci: per questo non gliene resta più quando scrive i suoi acidissimi articoli. Il suo motto è provare qualsiasi gioco esistente, sennò non lo si può criticare. Quando il suo eterno ruolo di master gli lascia tempo libero lavora a GdRITalia in veste plurima di pasticciere ufficiale, redattore, editor, (re)censore, traduttore in seconda e spalla comica a tempo perso. Da quando si è autoproclamato sommo sacerdote del Grande Cthulhu si è montato la testa e non ci si ragiona più.

Post correlati

2 Risposte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.