PREMESSA: la prima parte di questo articolo vi parla delle novità riguardo quello che conosciamo come “best of show”. In fondo troverete invece alcune indiscrezioni sorte dalla discussione con buona parte degli addetti ai lavori (nel mondo del gdr italiano… non dell’organizzazione di Lucca C&G).

Sono state tante le polemiche che in questi anni, ma soprattutto nella passata edizione, hanno fatto seguito al Best of Show di Lucca.

Tempi di valutazione dei prodotti strettissimi, criteri poco chiari… il Best of Show aveva ormai perso il suo smalto!  Arriva il momento di rinnovarsi, e nasce il nuovo concorso,  “Gioco dell’anno“, un concorso privo di categorie, che mette in gara giochi di ogni tipo! Esisterà tuttavia un secondo premio dedicato ai giochi di ruolo: “il gioco di ruolo dell’anno“!

In occasione del Play di Modena della scorsa settimana, in una conferenza stampa che ha visto protagonista Emanuele Vietina, vice-direttore di Lucca Comics & Games, vengono annunciate molte novità!

Innanzi tutto gli obiettivi: il nuovo premio dovrà diventare un marchio di qualità!
Una certificazione del valore del prodotto!

Candidati al “Gioco dell’anno” potranno essere tutti i giochi pubblicati dal 1° giugno dell’anno precedente alla premiazione fino al 31 maggio dell’anno in corso.
Saranno ammessi solo giochi in lingua italiana, disponibili nei negozi specializzati.
Niente giochi disponibili escusivamnete in formato digitale dunque.

Tutti i titoli saranno testati dalla giuria, in questo arco temporale.

Il vincitore sarà comunicato A OTTOBRE, in modo da dare modo all’editore di attivarsi in termini di pubblicità e comunicazione, per far arrivare il prodotto maturo in termini di vendibilità a Lucca.

i criteri di valutazione?
1) Originalità
2) Chiarezza e completezza
3) Materiali e della grafica.
4) Longevità e divertimento
5) Capacità di allargare la platea degli interessati

i giurati del “Gioco dell’Anno”? (credenziali tratte da gioconomicon)
Roberto Genovesi: ex presidente Best of Show e direttore artistico di Cartoons on the bay, in veste di presidente della giuria.
Beatrice Parisi, in qualità di vicepresidente, che come abbiamo detto è stata un giurato storico del Gioco dell’Anno oltre che conduttrice del programma radiofonico Giocando.
Massimiliano Calimera: capo redattore Gioconomicon.net.
Paolo Cupola: giornalista che scrive di videogiochi sulla Gazzetta dello sport e di giochi da tavolo su Giochi per il mio Computer.
Luca Bonora: che scrive di giochi per il Touring Club e su TCI junior.
Mauro Gaffo: ex direttore di Focus Giochi e vice-direttore di Focus.
Caterina Ligabue: la più piccola giurata, che lo scorso anno ha collaborato come opinionista, a soli 12 anni, in una rubrica di giochi su Topolino.
Fabio Cambiaghi: redattore della rivista ludica ILSA

La giuria inoltre si allargherà ad altri 3 “esperti” per poter premiare il “Gioco di Ruolo dell’Anno“, per ora conosciamo 2 dei 3 nomi:

Andrea Vigiak – coautore di Piombo, distruibuito dalla casa editrice Narrattiva
Daniele Prisco – co-direttore di DM Magazine
(non conosciamo altri dettagli su questi giurati)

MA… ARRIVIAMO AI MA…

nell’ambiente si chiacchiera… ci si scambia pareri e confidenze… e si sa, noi giocatori di ruolo siamo una specie di tribù, e i pareri su questo nuovo volto del premio Lucchese, non sono affatto positivi, proprio no.

Polemiche sulle modalità di valutazione, soprattutto sulla giuria.

Sembra che le voci degli addetti ai lavori e di noi appassionati non siano state ascoltate dagli organizzatori di Lucca C&G e… quest’anno potrebbero esserci belle sorprese, dei segnali FORTI da parte di appassionati, autori, editori, distributori che si sono stancati. E’ prematuro parlarne, ma rimanete sintonizzati su gdritalia e ne sentirete delle belle.

A proposito dell'autore

Lettori, aiutatemi. La redazione che dovrei coordinare, da oltre 10 anni mi tiene in ostaggio! Mi fa scherzi cattivi, sono vittima di bullismo e vengo preso a pizze quotidianamente! Non so a chi altro rivolgermi! Aiutatemi!

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.