Benvenuti alla seconda parte dell’intervista a Nicola Urbinati!

In questa seconda parte Nicola ci svelerà alcune notizie relative al progetto editoriale di portare il Fate in Italia! Se vi foste persi la prima parte dell’intervista, troverete il link in fondo a questo articolo, ma ora, non perdiamo tempo, e andiamo avanti con l’intervista:

Ora parliamo un po’ anche di editoria… all’estero sono venuti fuori dei titoli dei titoli veramente interessanti legati al Fate: il fantasy-horror-moderno di The Dresden Files,  sci-fi di Diaspora, il fantasy classico di Legends of Anglerre, il pulp di Spirit of the Century…  quali sono i titoli che a te piacciono di più?

photo-main[Nicola]: Personalmente sono molto attirato da tutti. Oltre a quelli che hai citato, legati all’incarnazione precedete
del Fate, stanno uscendo molte altre novità grazie al traino del Core: il Freeport Companion (pirati), Day After Ragnarock, e sono in arrivo tantissime altre novità, di ambientazione sfi-fi (Dawning Star), Wuxia (Tianxia), e tanto altro.

Come gusto personale sono molto attirato dal Fantasy (Legends of Anglerre), dallo sfi-fi (Bulldogs! oltre ai già citati Diaspora e Dawning Star) e dal modern-arcana (Dresden Files, di cui uscirà una versione per Accelerated se tutto procede bene per la Evil Hat).

Una delle forze di Fate, soprattutto nella nuova incarnazione, è quella di poter essere adattato con estrema semplicità a qualsiasi ambientazione e tema.

Sembra che l’Italia di tanto in tanto, faccia dei tentativi di avvicinamento a questo sistema… prima Janus Design porta in Italia Lo Spirito del Secolo, poi leggiamo il nome di Danilo Moretti (già apprezzatissimo autore di Legione, Fenomena, Supers! e Super Adventures) nello staff che sta curando il nuovo progetto Sci-Fi / Space Opera di Dawning Stars… e ora Nicola, con il suo progetto Fate Italia. Che ne dici?

[Nicola]: Sono elettrizzato dall’attenzione che pian piano sta avendo Fate anche in Italia. Spero che possa solo
dawning staraumentare e che sempre più prodotti possano essere portati in Italia ma non solo, spero che altri prodotti possano nascere in terra nostrana e che Fate possa diventare un valido punto di riferimento come valida alternativa ad altri sistemi più blasonati.

Sono anche contento che professionisti ed appassionati italiani possano far conoscere la qualità dei propri lavori anche all’estero, come sta succedendo a Danilo ma anche a Claudia Cangini o Tazio Bettin, che hanno illustrato parte della linea originale di Fate Core senza sfigurare davanti agli artisti americani.

Anche la qualità dei prodotti italiani sta aumentando, e questo non può che far bene al nostro hobby. Aumentare la professionalità messa nell’editoria di settore è importante, nonostante le grosse difficoltà date purtroppo dall’ancora ristretto ambito chi fanno riferimento. Allargare la comunità di gioco non può che far bene all’hobby stesso, anche sotto questo aspetto.

Vogliamo dare una buona notizia ai nostri lettori, anche se è ancora in fase molto molto embrionale? Le tue intenzioni non si limitano alla traduzione dell’SRD vero?

[Nicola]: Non vi si può tenere nascosto nulla!

In effetti, una volta affacciatomi in modo attivo in questo mondo tramite il portale, ha cominciato a far capolino nella mia testa l’idea di portare in Italia la nuova versione di Fate in modo più ufficiale, per ampliarne la diffusione e farlo conoscere anche a chi ancora non lo conoscesse.

fate

E’ un progetto direttamente collegato ma parallelo a quello del portale, che nel caso rimarrebbe assolutamente ad uso e consumo della comunità, ma che negli ultimi mesi ha cominciato a muovere qualche passo e ad avere qualche base su cui poggiarsi.

Al momento è in fase embrionale, sto ponendo le fondamenta della cosa e vado con i piedi di piombo perché vorrei fare una cosa fatta bene e non buttarmi a capofitto in qualcosa senza obiettivi precisi, concreti e come si dice, soprattutto sostenibili.

Sui tuoi progetti editoriali targati Fate, provo a farti qualche domanda, ma non so cosa sia stato definito e cosa invece no… sentiti libero di dirci quello che puoi: ci sono tempistiche? hai già in mente una etichetta editoriale? ti appoggerai a qualche editore già sul mercato o ti muoverai per conto tuo? Utilizzerai sistemi di Foundrising per finanziare il progetto? Sei interessato a qualche titolo già presente sul mercato oppure a progetti italiani e inediti “powered by Fate”?

[Nicola]: Come anticipato, il progetto è in fase embrionale. Al momento ho cominciato a formare un primo nucleo di staff con cui collaborare (traduzione, revisione, grafica, layout, consulenze) e a fare qualche ipotesi editoriale.

Ora come ora sto valutando sia possibili collaborazioni con etichette già presenti e radicate nell’hobby sia la strada di muovermi per conto mio, e quasi sicuramente procederemo tramite Crowdfunding per poter almeno limitare quelli che saranno i costi di produzione, i quali si prospettano abbastanza corposi data la quantità di materiale e il target di qualità che ci prefiggiamo.

Non mi sono ancora fatto promesse di tempistiche (qualche idea ce l’ho), alcune tessere devono ancora essere collocate nel puzzle prima di poter ufficializzare qualcosa di minimamente concreto. Poi in queste cose fornire delle tempistiche rischia sempre di essere fuorviante: troppe le variabili che possono impazzire e far rallentare un progetto che già di per sé è complesso e corposo.

Spero che nei primi mesi del 2014 possiate avere maggiori notizie a riguardo, vuol dire che la cosa è partita veramente J

Per quanto riguarda le possibili uscite, al momento sto accarezzando l’idea di proporre la linea base di Fate (Core, Accelerated, Toolkit, i due volumi di ambientazioni Worlds1 e 2), poi si vedrà. Sicuramente se la cosa dovesse prendere piede in un certo modo, l’attenzione si volgerà ad altri prodotti, già presenti da portare in Italia o nuovi progetti nati qui, perché no?

fate worlds 1 e 2

Il fatto di avere Fate in Italia, non può che farci piacere… e quindi vogliamo metterti a disposizione questo spazio: sei alla ricerca di collaboratori, sia per il progetto SRD che per quello editoriale? Vuoi fare un appello?

[Nicola]: Grazie mille! Infatti, dato il grosso volume di lavoro da fare, sia a livello puramente hobbistico-amatoriale (gestione del portale, recensioni, articoli, …) che più prettamente editoriale (traduzione, revisione, …) sono alla ricerca di collaborazioni e idee.

Nel caso siate interessati, potete contattarmi qui: urbaman@fateitalia.it

Grazie di nuovo GDRItalia per l’occasione di questa piacevole chiacchierata, spero di risentirci presto e buon lavoro, continuate così!

Ed eccoci giunti alla fine…

per chi se la fosse persa, eccovi il link alla prima parte della nostra intervista a Nicola

il sito ufficiale del progetto di traduzione della SRD: Fate Italia 

la pagina facebook del progetto

il sito di Evil Hat, editore americano di Fate

 

 

A proposito dell'autore

Lettori, aiutatemi. La redazione che dovrei coordinare, da oltre 10 anni mi tiene in ostaggio! Mi fa scherzi cattivi, sono vittima di bullismo e vengo preso a pizze quotidianamente! Non so a chi altro rivolgermi! Aiutatemi!

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.